Login con

Alert sanitari

17 Luglio 2023

Influenza aviaria: il quadro della situazione da aprile a giugno

Dall’EFSA una panoramica dell’evoluzione dell’infezione in Europa: uccelli selvatici (anche lontano dai litorali) ma non solo, l’aviaria colpisce anche i mammiferi.


Influenza aviaria: il quadro della situazione da aprile a giugno

Come segnalato dall’EFSA, tra il 29 aprile e il 23 giugno 2023, sono stati segnalati focolai di virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) A(H5N1) (clade 2.3.4.4b) sia in uccelli domestici (98) che in uccelli selvatici (634) in 25 paesi europei. 

In Francia si è avuta una concentrazione di focolai di anatre mulard per la produzione di foie gras nel sud-ovest del Paese, a fronte di un miglioramento della situazione complessiva di A(H5N1) nel pollame in Europa e nel mondo. Tra gli uccelli selvatici, i gabbiani comuni e diverse nuove specie di uccelli marini, principalmente gabbiani e sterne, sono stati gravemente colpiti, con un aumento della mortalità osservato sia negli adulti che nei giovani dopo la schiusa. Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, gli uccelli marini morti sono stati trovati sempre più nell'entroterra e non solo lungo le coste europee. Per quanto riguarda i mammiferi, il virus A(H5N1) è stato identificato in 24 gatti domestici e un caracal in Polonia tra il 10 e il 30 giugno 2023. Gli animali colpiti mostravano segni neurologici e respiratori, a volte mortalità. Tutti i casi sono geneticamente strettamente correlati e i virus identificati si raggruppano con virus rilevati nel pollame (da ottobre 2022, ma ora solo sporadici) e negli uccelli selvatici (dicembre 2022-gennaio 2023) in passato. Esistono ancora incertezze sulla loro possibile fonte di infezione, finora non è stata segnalata alcuna trasmissione da felino a felino o da felino a uomo

Dal 10 maggio 2023 e dal 4 luglio 2023, sono stati segnalati due rilevamenti di virus A(H5N1) clade 2.3.4.4b negli esseri umani dal Regno Unito e due infezioni umane da A(H9N2) e una A(H5N6) in Cina. Inoltre, una persona infetta da A(H3N8) in Cina è morta. Il rischio di infezione con i virus dell'influenza aviaria H5 attualmente in circolazione del clade 2.3.4. in Europa rimane basso per la popolazione generale e da basso a moderato per le persone esposte a uccelli o mammiferi infetti.  

TAG: EFSA, INFLUENZA AVIARIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Da Camon 4 nuovi prodotti  per il relax e il trasporto dei gatti

Da Camon 4 nuovi prodotti per il relax e il trasporto dei gatti

A cura di Camon

Per gli animali da compagnia il mercato delle assicurazioni ha superato i 2,83 miliardi di dollari. Gli States sul podio, molto bene anche il Canada. E i...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top