Login con

Alert sanitari

29 Aprile 2024

Influenza aviaria nei ruminanti, Colombia blocca carne bovina Usa. Fda: latte pastorizzato sicuro

La Colombia è diventata il primo Paese a limitare la carne bovina Usa a causa dell’influenza aviaria riscontrata nelle mucche da latte. Nel frattempo, dopo i timori legati alle tracce del virus in campioni di latte pastorizzato, la Food and Drug Administration ha rassicurato che i test aggiuntivi non hanno rilevato virus

di Redazione Vet33


Influenza aviaria nei ruminanti, Colombia blocca carne bovina Usa. Fda: latte pastorizzato sicuro

La Colombia ha limitato l’importazione di carne bovina e prodotti a base di carne provenienti dagli Stati americani in cui le mucche da latte sono risultate positive all’influenza aviaria, come dichiarato il 15 aprile scorso dal Dipartimento dell’Agricoltura statunitense (Usda). Si tratta del primo Paese a limitare ufficialmente il commercio a causa dell’influenza aviaria tra bovini, segno di un crescente impatto economico del virus che ha già limitato il commercio di pollame a livello globale. La Food and Drug Administration (Fda), invece, ha effettuato verifiche sulla sicurezza del latte.


La situazione aggiornata
Con un avviso pubblicato sul sito web del Food Safety and Inspection Service dell’Usda, l’agenzia ha affermato che il divieto include prodotti a base di carne bovina derivati ​​da bovini macellati in Idaho, Kansas, Michigan, New Mexico, North Carolina, Ohio, South Dakota e Texas.
La Colombia ha imposto restrizioni temporanee sui prodotti a base di carne bovina cruda. Se gli esportatori hanno un permesso di importazione valido, le spedizioni possono ancora essere trattenute nel porto.
Le restrizioni arrivano anche se il Governo degli Stati Uniti ha richiesto il test per l’influenza aviaria sui bovini da latte che si spostano tra gli Stati a partire da lunedì 29 aprile, mentre i funzionari federali intensificano la loro risposta a un’epidemia che si è estesa alla fornitura di latte degli Stati Uniti. Le misure mirano a contenere la diffusione dell’influenza aviaria, che è stata segnalata in otto Stati e 33 allevamenti da latte da quando è stata rilevata per la prima volta a fine marzo in Texas; finora una persona esposta al bestiame è risultata positiva alla malattia, riportando una congiuntivite.
La Colombia è l’unico Paese che ha imposto ufficialmente restrizioni sulle esportazioni di carne bovina statunitense a causa dell’epidemia di H5N1.

“Non riteniamo che le restrizioni alle importazioni legate all’epidemia di influenza aviaria abbiano alcuna base scientifica” ha affermato Joe Schuele, portavoce della US Meat Export Federation. “È certamente un grosso problema per gli esportatori che fanno affari in Colombia e per i loro clienti”.

I funzionari dell’Usda stanno affrontando la questione insieme a funzionari della Colombia. I partner commerciali, infatti, continuano a chiedere informazioni sull’epidemiologia al governo americano, ha riferito Rosemary Sifford, capo veterinario dell’Usda.

“Stiamo rispondendo alle loro richieste non appena le riceviamo, per fornire informazioni che li aiutino a mitigare eventuali impatti commerciali” ha affermato Sifford.

Le analisi della Fda
Martedì 23 aprile la Fda ha dichiarato di aver trovato particelle del virus dell’influenza aviaria in alcuni campioni di latte non pastorizzato, assicurando però che il latte pastorizzato è sicuro per il consumo umano, poiché è stato riscaldato ad alta temperatura per uccidere batteri e virus dannosi.
Tom Vilsack, il Ministro dell’Agricoltura statunitense, ha affermato che la fornitura di latte negli Stati Uniti è sicura “sulla base delle informazioni attualmente disponibili”, aggiungendo che non è stato trovato alcun virus vivo.
Il latte contenente particelle di influenza aviaria è entrato nella fornitura commerciale da mucche asintomatiche che sono risultate infette attraverso i test. L’Usda ha effettuato più di 2.000 test su campioni di bestiame nelle ultime settimane.
Le mucche da latte devono ora risultare negative al virus dell’influenza A, che include l’influenza aviaria, presso un laboratorio approvato prima di essere spedite attraverso i confini statali. I proprietari di mucche che risultano positive al test saranno tenuti a fornire informazioni epidemiologiche, compreso il tracciamento dei movimenti degli animali. I test antinfluenzali positivi impediranno lo spostamento per 30 giorni e fino a quando non risulteranno negativi.
Il Meat Institute, che rappresenta i trasformatori di carne statunitensi, ha esortato l’Usda e il Cdc a condurre ulteriori test per garantire che la carne bovina rimanga sicura da mangiare e per proteggere i lavoratori del confezionamento della carne dalle infezioni. L’Usda ha affermato di essere fiducioso che la fornitura di carne sia sicura. Il Cdc invece ha mantenuto la sua valutazione di basso rischio per il pubblico in generale.

CITATI: JOE SCHUELE, ROSEMARY SIFFORD, TOM VILSACK
TAG: CDC, COLOMBIA, FDA, IMPORTAZIONE, INFLUENZA AVIARIA, USDA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Phovia: il sistema che supporta una rapida rigenerazione cutanea per cani e gatti

Phovia: il sistema che supporta una rapida rigenerazione cutanea per cani e gatti

A cura di Vetoquinol

Dalla lettiera intelligente alla ciotola che rispetta i baffi felini: nella cornice di Zoomark premiati i prodotti più innovativi.

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top