Login con

Alert sanitari

28 Febbraio 2024

Peste suina africana, aumenta l’allerta tra le regioni

In Italia la Peste suina africana continua a diffondersi. Dall’Europa arriva l’invito a prestare massima attenzione ai cinghiali presenti sul territorio nazionale, mentre molti comuni si attivano con proprie cabine di regia per gestire la situazione. Altri comuni intanto sono entrati nelle zone di restrizione

di Redazione Vet33


Peste suina africana, aumenta l’allerta tra le regioni

Il rischio di contrarre Peste suina africana continua a preoccupare gli allevatori di tutta Italia, soprattutto in regioni come Lombardia ed Emilia-Romagna, a forte vocazione per la suinicoltura. Il virus, infatti, si sta sempre più diffondendo sul territorio nazionale, causando agli allevatori anche danni indiretti legati alle misure di restrizione attivate per contrastarne la diffusione. Negli ultimi giorni sono stati scoperti altri casi positivi anche in Piemonte e Basilicata.


Gli ultimi provvedimenti
Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (Ue) 2024/760 del 23 febbraio, recante modifica del Regolamento di esecuzione (UE) 2023/594 che stabilisce misure speciali di controllo della peste suina africana. Tale modifica si origina dall’avanzamento del fronte epidemico sul territorio italiano. Il nuovo Regolamento inserisce nelle zone soggette a restrizione per Psa nuovi Comuni delle province di Lodi, Pavia, Milano, Piacenza, Parma, La Spezia e Asti. Inoltre, si evidenzia l’entrata nella zona soggetta a restrizione 2 dei primi due Comuni della Regione Toscana, nella provincia di Massa-Carrara.
Le ultime regioni a chiedere un intervento contro la peste suina africana sono state Emilia-Romagna e Basilicata. Nel piacentino, gli allevatori hanno lanciato l’allarme dopo aver individuato numerosi casi, chiedendo reti di protezione e l’abbattimento dei cinghiali per bloccare il virus. Inoltre, pochi giorni fa, solo stati trovati nuovi casi anche in Piemonte e Liguria.

La situazione nel Piacentino
Per coordinare l’intervento contro la Psa, su sollecitazione del mondo agricolo, nella provincia di Piacenza è stata creata una cabina di regia composta da rappresentanti della Provincia e della Polizia provinciale, dei sindaci, di associazioni sindacali agricole, associazioni venatorie e associazioni del settore lavorazioni carni.
Giovanna Parmigiani, Presidente della sezione di prodotto suinicola di Confagricoltura Piacenza e componente della Giunta nazionale dell’organizzazione agricola, ha parlato di “situazione gravissima”.

“Dobbiamo fare tutto il possibile e subito. C’è in gioco tutto il settore suinicolo, dai nostri allevamenti alle nostre tre Dop, con le famiglie legate economicamente alla sorte del settore, per arrivare fino alle cose meno importanti, come le scampagnate in quota, i percorsi eno-gastronomici, la raccolta funghi e le feste all’aria aperta” ha dichiarato.

Inoltre, c’è un allarmismo diffuso nell’opinione pubblica che ha fatto scendere il prezzo di vendita dei suini e diminuire il volume di acquisto delle carni suine per il consumo nazionale nel commercio al dettaglio.

La situazione nel Pavese
In aiuto degli allevamenti di suini penalizzati dalle restrizioni si è intanto mossa Opas, la cooperativa di suinicoltori e organizzazione di prodotto più grande d’Italia, leader nella produzione di cosce Dop, che si è resa disponibile a lavorare le carni di maiali anche di allevamenti non associati con sede nelle zone di restrizione I e II, tra cui la provincia di Pavia.

Gianfranco Comincioli, presidente di Coldiretti Lombardia ha commentato positivamente l’azione: “La Psa che ha raggiunto la provincia di Pavia sta mettendo in crisi l’intero comparto dei suini, a cominciare dagli allevamenti che, seppur indenni dalla malattia, si trovano a fare i conti con divieti e limitazioni che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la loro attività. In un momento così delicato serve la responsabilità dell’intera filiera: per questo accogliamo con favore l’iniziativa della cooperativa Opas”.

“Gli allevamenti che, pur non avendo casi aziendali di infezione al virus della Psa, a seguito dell’applicazione della normativa comunitaria ricadono nelle zone di restrizione e vigilanza, hanno difficoltà – ha sottolineato Coldiretti Lombardia – a commercializzare le carni dei loro maiali che sono, invece, sicure e possono essere utilizzate per tutti quei canali della salumeria e per tutti i Paesi che non pongono restrizioni all’import”.

Se da una parte va mantenuta alta l’attenzione, mettendo in pratica tutte le misure di biosicurezza, dall’altra è necessario che tutti gli attori della filiera facciano la propria parte affinché si possa continuare a lavorare, per salvaguardare un comparto cardine del made in Italy agroalimentare. Coldiretti Lombardia ha ribadito anche la necessità di contenere in maniera definitiva il numero dei cinghiali, principale vettore della malattia, chiedendo alla Regione Lombardia di rafforzare i piani di controllo già in atto e potenziare tutti gli strumenti a disposizione, anche sul fronte del risarcimento danni e di sostegno al credito alle aziende agricole colpite.
Anche per il presidente nazionale della CiaCristiano Fini, è fondamentale mettere in atto il Piano straordinario per la gestione e il contenimento della fauna selvatica, pubblicato in Gazzetta Ufficiale già da luglio per la messa in sicurezza del sistema produttivo da cui dipendono importanti Dop e Igp dell’agroalimentare made in Italy: “Occorre che le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, cui è demandata l’attuazione del Piano, usufruiscano delle misure previste, soprattutto per quanto riguarda i Piani regionali di interventi urgenti (Priu) relativi alla gestione del cinghiale, e che il Governo abbia un forte ruolo nell’accelerare il processo”.

L’espansione della Psa
Come ha fatto notare l’organizzazione agricola, l’espansione della Psa nel Nord-Italia sta diventando sempre più ampia e pericolosa per le produzioni suinicole di qualità. Con quasi 2 milioni di cinghiali ancora in circolazione che hanno procurato già danni all’agricoltura per 120 milioni di euro negli ultimi sette anni, è a rischio un intero settore da 11 miliardi di fatturato e 70 mila addetti nella filiera.

CITATI: CRISTIANO FINI, GIANFRANCO COMINCIOLI, GIOVANNA PARMIGIANI
TAG: ALLEVAMENTI, CIA, COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA, EMILIA-ROMAGNA, LIGURIA, LOMBARDIA, PAVESE, PESTE SUINA AFRICANA, PIEMONTE, PSA, RESTRIZIONI, SUINI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Pralinery, una nuova linea di snack a base di carne di suino

Pralinery, una nuova linea di snack a base di carne di suino

A cura di Camon

Nicoleta Eftimiu è stata nominata nuovo General Manager di AniCura Italy Holding, subentrando a Stefano Caporali  

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top