Login con

One Health

29 Novembre 2023

Leishmaniosi, dalla prevenzione al trattamento

Il 19 novembre a Roma si è svolto un convegno sul tema della leishmaniosi e sulla sua diffusione in Italia, organizzato dal laboratorio di analisi veterinarie CDvet Research insieme a MSD Animal Health  

di Redazione Vet33


Leishmaniosi, dalla prevenzione al trattamento

Di Leishmaniosi nel cane, nel gatto e nell’uomo si è parlato nel corso di un convegno svoltosi a Roma il 19 novembre, organizzato da CDvet in collaborazione con MSD Animal Health. Durante la giornata, sono stati analizzati i dati epidemiologici, di incidenza e prevalenza della malattia, insieme all’approccio clinico e alle strategie di prevenzione da mettere in atto, con l’obiettivo di fornire al medico veterinario tutti gli strumenti necessari ad affrontarla con un approccio One Health.

Ogni anno le malattie da vettore causano, infatti, oltre 1 miliardo di casi umani ed 1 milione di morti, rappresentando circa il 17% dei casi totali di malattie trasmissibili, secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Una malattia sempre più diffusa
La Leishmaniosi si sta sempre più diffondendo sul territorio nazionale, tanto da essere ormai diventata endemica anche oltre le aree già note come la fascia prealpina, le zone collinari e non costiere del medio versante adriatico (Marche ed Emilia-Romagna) e molte aree collinari delle regioni del Nord Italia (Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Trentino e Friuli).
Questa maggior diffusione è correlata all’innalzamento delle temperature e all’alterazione delle stagioni, con estati più torride e inverni più miti che portano a una sempre maggior presenza di zecche, pulci e flebotomi, ossia quegli insetti che fanno da vettore tra gli animali e l’uomo.
Alcuni mesi fa, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana (Izslt) ha segnalato proprio nella provincia di Viterbo la presenza di flebotomi risultati positivi per Leishmania Infantum, l’unica specie autoctona in Europa, facendo così scattare la massima allerta tra Asl, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta per i potenziali rischi in caso di trasmissione.

Gli interventi al convegno
Fabrizio Vitale, medico veterinario dirigente presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia e responsabile del Centro di Referenza Nazionale per le Leishmaniosi animali (CReNaL), ha introdotto il tema del monitoraggio e della sorveglianza della Leishmaniosi, focalizzandosi sul suo andamento epidemiologico.
Di “prevalenza e diffusione della Leishmaniosi nel cane e nel gatto” ha poi parlato Simona Gabrielli, professore associato di Parassitologia presso l’Università La Sapienza di Roma: dopo una breve introduzione della Leishmaniosi come parassitosi zoonotica, si è soffermata sull’importanza dell’approccio One Health per la sua prevenzione, citando i risultati relativi a due studi epidemiologici svolti in collaborazione tra La Sapienza e CDVet Research.
Laia Solano-Gallego, professore ordinario presso il dipartimento di Medicina e Chirurgia Animale dell’Università Autonoma di Barcellona, ha illustrato le principali metodiche di laboratorio per una corretta diagnosi dell’infezione da Leishmania nel cane e nel gatto.
Maria Grazia Pennisi, professore ordinario di Clinica Medica Veterinaria presso l’Università di Messina, ha presentato dei casi clinici di gatti affetti da Leishmaniosi e affrontato il tema della gestione del gatto malato.
Gaetano Oliva, professore ordinario di Clinica Medica e direttore dell’Ospedale Veterinario Universitario Didattico dell’Università Federico II di Napoli, ha fatto lo stesso ma per pazienti canini.

Preservare la salute globale è possibile solo con la collaborazione multidisciplinare dei diversi settori coinvolti” ha affermato in conclusione Daniele Ghezzi, responsabile marketing della divisione Companion Animals di MSD Animal Health Italia. “L’approccio collaborativo del One Health, che si fonda sul legame indissolubile tra esseri umani, animali ed ecosistema è la scelta vincente per assicurare il benessere collettivo”.

CITATI: DANIELE GHEZZI, FABRIZIO VITALE, GAETANO OLIVA, LAIA SOLANO-GALLEGO, MARIA GRAZIA PENNISI, SIMONA GABRIELLI
TAG: CANE, CDVET, FLEBOTOMI, GATTO, IZS DEL LAZIO E DELLA TOSCANA, IZS DELLA SICILIA, LEISHMANIA INFANTUM, LEISHMANIOSI, MSD ANIMAL HEALTH, ONE HEALTH, ZOONOSI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Uno studio compiuto da diversi ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia-Romagna dimostra una diffusa presenza di ...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

In Brasile i casi segnalati da inizio 2024 hanno superato il milione. Sabato 02 marzo è previsto un “D-Day” per informare la popolazione su come difendersi...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Il Gruppo di lavoro sul Benessere Animale della World Veterinary Association ha pubblicato un Documento con le indicazioni per la gestione e il controllo di...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Un libro che si concentra sui problemi specifici del tratto digerente del gatto con un approccio fortemente clinico, ma senza dimenticarsi dei contributi delle...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Thermochip Mini e Suresense Microchip Reader, per un monitoraggio tecnologico

Thermochip Mini e Suresense Microchip Reader, per un monitoraggio tecnologico


Tra i consumatori si registra una scarsa consapevolezza della circolarità del benessere tra mondo animale, umano e ambientale. Per contribuire a colmare la...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top