Login con

Cani

20 Maggio 2024

Pitbull e aggressioni, Anmvi: serve patentino obbligatorio

Dopo le vicende degli ultimi giorni, il Presidente dell’Anmvi Marco Melosi ha suggerito un patentino obbligatorio che certifichi il possesso responsabile di cani con caratteristiche particolari, per garantire una convivenza sicura tra animali e persone ed evitare la stigmatizzazione di alcune razze

di Redazione Vet33


Pitbull e aggressioni, Anmvi: serve patentino obbligatorio

Il Presidente dell’Associazione nazionale medici veterinari italiani (Anmvi), Marco Melosi, dopo l’aggressione da parte di un pitbull che ha causato la morte di un bambino di 5 mesi in provincia di Vercelli, è intervenuto sulla questione, richiamando il possesso responsabile di alcuni cani e la necessità di un patentino obbligatorio per i loro proprietari. 


Il patentino
“Sono dell’idea che per avere alcune tipologie di cani andrebbe introdotta una sorta di patentino obbligatorio” ha dichiarato il Presidente Melosi, richiamando uno strumento che certifichi il “possesso responsabile” di un “determinato tipo di cane”.
“Devi conoscerne le caratteristiche, devi sapere come comportarti per garantire il più possibile una convivenza sicura tra l’animale e l’uomo, in particolare i bambini, soprattutto se molto piccoli” ha sostenuto in un’intervista.
“È vero, ultimamente i pitbull sono la tipologia di cane (in Italia non è riconosciuta come razza) che sta balzando maggiormente alla ribalta della cronaca” ha proseguito il Presidente Anmvi. “Ma in realtà ci sono anche altri cani con caratteristiche simili. Cani che oltre ad avere una struttura fisica importante, sono anche stati selezionati per compiti particolari, cani da attacco o da difesa”.
“Se ci si guarda un po’ intorno in Europa, ci sono molte nazioni che hanno adottato la soluzione più drastica, cioè hanno vietato il possesso di determinate razze; l’hanno fatto per esempio la Francia, la Germania, l’Inghilterra. Altri Paesi, invece, hanno puntato su una sorta di patentino: se vuoi prendere un determinato cane devi fare un percorso, procurarti un’assicurazione, rispondere a particolari requisiti”. 

La questione black list
“C’è però un problema che resta ed è quello della black list” continua Melosi. “È possibile fare un elenco di razze cosiddette pericolose? Sicuramente alcune è possibile individuarle, ma anche facendolo non sarebbe del tutto escluso che il rischio possa arrivare da altre razze, oppure da meticci che comunque abbiano una certa potenza, una certa struttura fisica e determinate caratteristiche. Molte volte, fra l’altro, si fa confusione tra aggressività (anche un chihuahua può rincorrerti e morderti) e pericolosità”.
“La questione è dibattuta anche a livello europeo: sono state proposte più soluzioni e molte strade intraprese non sembrano avere avuto grande successo. Ma io punterei sul possesso responsabile certificato da un patentino obbligatorio” propone il Presidente. “Non puntiamo il dito contro nessuna razza perché la colpa non è degli animali. Però mettiamoci a tavolino e definiamo dei criteri utili a individuare determinate tipologie di cani che, per particolari caratteristiche fisiche e di selezione, possono presentare dei rischi e il cui possesso necessita di patentino” conclude.

CITATI: MARCO MELOSI
TAG: AGGRESSIONI, ANMVI, PATENTINO, PITBULL, RAZZE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Thermochip Mini e Suresense Microchip Reader, per un monitoraggio tecnologico

Thermochip Mini e Suresense Microchip Reader, per un monitoraggio tecnologico


Con i macchinari più avanzati, come l’innovativa TAC di GE HealthCare, anche gli animali possono beneficiare di dosi radiogene ridotte e di immagini ...

A cura di GE HealthCare

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top