Login con

Professione

08 Febbraio 2024

Reati contro gli animali, Colangeli (Anmvi): tutele per medici veterinari

Raimondo Colangeli, Vicepresidente Anmvi, nel pomeriggio di mercoledì 07 febbraio ha svolto un’audizione in Commissione Giustizia sulle proposte di modifica al Codice penale in materia di reati contro gli animali

di Redazione Vet33


Reati contro gli animali, Colangeli (Anmvi): tutele per medici veterinari

Nel pomeriggio di mercoledì 07 febbraio, in Commissione Giustizia alla Camera, si è svolta un’audizione sulle proposte di modifica al Codice penale in materia di reati contro gli animali. Il Vicepresidente dell’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (Anmvi), Raimondo Colangeli, ha chiesto modifiche per gli articoli che più impattano la professione veterinaria, tra cui una maggiore tutela penale contro il reato di abuso di professione.


Le richieste di Anmvi
Le principali obiezioni alla proposta di legge Brambilla riguardano l’introduzione nel Codice penale della colpa penale “per negligenza, imprudenza o imperizia” (art. 5), e la “circostanza aggravante” per i reati commessi “nell’esercizio delle proprie funzioni professionali, pubbliche o private”.
Nella sua audizione, Colangeli ha sostenuto che così si eserciterebbe un’eccessiva pressione penalistica sui medici veterinari, evidenziando che le norme sulla responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie già disciplinano eventuali condotte colpose durante l’esercizio della propria professione.

“Non si chiede alcuna impunità. La commissione dei reati contro gli animali, qualora il cittadino reo, fosse di professione un Medico Veterinario, sarebbe parimenti punibile senza eccezioni” ha dichiarato Colangeli. “Occorre tuttavia osservare la peculiarità della professione medico-veterinaria ed evitare norme e procedimenti penali forieri di effetti distorsivi. Un eccesso di rischio di colpa medica e di gravame penale sulla funzione veterinaria potrebbe avere – come avvenuto in campo medico – l’effetto deterrente di allontanare da compiti e incarichi e persino dalla stessa Professione, in una fase peraltro di grave carenza di Medici Veterinari”.

Inoltre, lo stesso articolo modifica il procedimento disciplinare ordinistico delle professioni regolamentate, prevedendo la radiazione automatica per i reati in danno agli animali. Anmvi ha chiesto che sia mantenuto il vigente procedimento disciplinare “a garanzia dell’iscritto e della potestà ordinistica”.
Un altro punto controverso riguarda l’art. 11, che disciplina l’attribuzione a “personale veterinario” di funzioni di polizia giudiziaria da parte dell’autorità sanitaria “senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica”. Anmvi sollecita dei chiarimenti su questa disposizione, sottolineando che, se si intende coinvolgere un professionista autonomo, allora l’incarico deve prevedere una sua espressa accettazione e una conseguente remunerazione (ai sensi della Legge sull’equo compenso).
L’Associazione ha anche evidenziato la mancanza di disposizioni specifiche per i nuovi scenari di detenzione per gli animali delineati dalla proposta. A suo giudizio, dovrebbero essere garantite regolari visite veterinarie di sanità animale nei centri di accoglienza e di recupero.
In chiusura del proprio discorso, il Vicepresidente Colangeli ha sottolineato che una maggiore tutela penale della professione medico veterinaria gioverebbe alla stessa tutela animale che la proposta di legge vuole rafforzare.

Durante l’audizione, inoltre, sono anche stati ricordati i ripetuti episodi di violenza a cui sono costantemente esposti i medici veterinari, nel settore pubblico come nel privato, nonostante la Legge 113/2020 sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie. Anmvi ha evidenziato la necessità di intraprendere azioni efficaci per prevenire e contrastare tali fenomeni, a tutela della sicurezza professionale degli operatori del settore.

CITATI: RAIMONDO COLANGELI
TAG: AGGRESSIONI, ANMVI, COMMISSIONE GIUSTIZIA, REATI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Uno studio compiuto da diversi ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia-Romagna dimostra una diffusa presenza di ...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

In Brasile i casi segnalati da inizio 2024 hanno superato il milione. Sabato 02 marzo è previsto un “D-Day” per informare la popolazione su come difendersi...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Il Gruppo di lavoro sul Benessere Animale della World Veterinary Association ha pubblicato un Documento con le indicazioni per la gestione e il controllo di...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Un libro che si concentra sui problemi specifici del tratto digerente del gatto con un approccio fortemente clinico, ma senza dimenticarsi dei contributi delle...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

A cura di Fidovet

In un momento in cui la percezione degli animali domestici come membri della famiglia è in forte crescita, il Polo tecnologico di Navacchio ha scelto di...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top