Login con

Alert sanitari

01 Marzo 2023

Aviaria, in Cambogia una vittima di 11 anni

Padre e figlia, contagiati dagli uccelli: lui, asintomatico, sopravvive, la piccola non ce la fa. Verificato che il virus dell’aviaria A(H5N1) in questo caso apparteneva al clade virale circolante nel pollame in Cambogia dal 2014 e non a quello recentemente individuato in Europa.


Aviaria, in Cambogia una vittima di 11 anni

L’aviaria A(H5N1) colpisce in Cambogia all’interno di un nucleo familiare nel distretto di Sithor Kandal, provincia di Prey Veng. Due le persone coinvolte, padre e figlia. La piccola non sopravvive, il padre è invece stato dimesso. Il Ministero della Salute cambogiano ha confermato che entrambi i casi erano stati infettati da uccelli e che le persone venute in contatto con padre e figlia, sono invece risultate negative. Si tratterebbe del primo evento di influenza aviaria A(H5N1) rilevato nell'uomo in Cambogia dal 2014. In passato, la Cambogia ha riportato 56 casi, inclusi 37 decessi, tra il 2005 e il 2014.

Secondo quanto riferito dall’ECDC, il sequenziamento del virus dal caso indice (la ragazzina) mostra che questo virus dell'influenza aviaria A(H5N1) appartiene al clade 2.3.2.1c, ovvero quello circolante nel pollame in Cambogia dal 2014 e diverso, quindi, dal clade 2.3.4.4b che ha stato recentemente e ampiamente diffuso tra gli uccelli in altre parti del mondo e in Europa, e che è stato rilevato anche in due campioni umani prelevati da allevatori di pollame asintomatici in Spagna nel 2022.

Quali rischi per l’Europa?  

Nel complesso, il rischio di trasmissione dell'influenza zoonotica al grande pubblico nei paesi dell'UE/SEE è considerato basso. Il rischio per i gruppi professionalmente esposti come gli abbattitori è stato valutato da basso a medio. Il contatto diretto con uccelli infetti o un ambiente contaminato è la fonte più probabile di infezione. Per questo si raccomanda l'uso di dispositivi di protezione individuale per le persone esposte agli uccelli morti o ai loro escrementi per ridurre al minimo il rischio di infezione.  Ad oggi, non è stata rilevata alcuna trasmissione da uomo a uomo.

TAG: CAMBOGIA, ECDC, H5N1

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Uno studio compiuto da diversi ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia-Romagna dimostra una diffusa presenza di ...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

In Brasile i casi segnalati da inizio 2024 hanno superato il milione. Sabato 02 marzo è previsto un “D-Day” per informare la popolazione su come difendersi...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Il Gruppo di lavoro sul Benessere Animale della World Veterinary Association ha pubblicato un Documento con le indicazioni per la gestione e il controllo di...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Un libro che si concentra sui problemi specifici del tratto digerente del gatto con un approccio fortemente clinico, ma senza dimenticarsi dei contributi delle...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Prolife Life Style Mature White Fish & Rice - Mini

Prolife Life Style Mature White Fish & Rice - Mini

A cura di Zoodiaco

Tutta la filiera è in affanno: la crisi energetica si ripercuote a cascata. E per il futuro si ipotizza un calo strutturale della domanda di farmaci. Timori...

A cura di C. Ignaccolo

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top