Login con

Cani

09 Novembre 2022

Quanto è abile un cane nel localizzare un suono?

L’adozione di un metodo scalare ha consentito di verificare che l’abilità di un cane nella localizzazione di un suono può migliorare grazie all’apprendimento.


Quanto è abile un cane nel localizzare un suono?

La capacità di un animale di localizzare la sorgente di un suono sul piano orizzontale è comunemente misurata dall'angolo udibile minimo (MAA), cioè la distanza angolare minima tra due possibili sorgenti alla quale un animale è ancora in grado di identificare quale delle due ha prodotto il suono. Solo due studi hanno esplorato questo parametro nei cani ed entrambi sono stati caratterizzati da limitazioni rilevanti: una dimensione del campione molto piccola e l'affidamento a un metodo di valutazione che potrebbe non aver prodotto risultati affidabili. Per superare quest'ultimo limite, si è scelto di utilizzare un metodo a scala.

Procedura scalare

Secondo questo modus operandi, l'angolo di separazione degli emettitori è stato aumentato o diminuito in base alle precedenti prestazioni dell'animale. Inoltre, per ciascun soggetto sono state eseguite valutazioni discendenti e ascendenti. Nella valutazione discendente l'angolo di separazione della prima prova era ben al di sopra della soglia presunta e il soggetto doveva rispondere a livelli di separazione progressivamente più bassi, mentre la valutazione ascendente iniziava con un angolo di separazione al di sotto della soglia ipotetica con incrementi progressivi. Poiché le prestazioni dei soggetti in una discriminazione sensoriale possono cambiare, a seconda che le prove progrediscano da prove facili a prove difficili o viceversa, l'utilizzo di entrambi gli approcci consente una valutazione più completa.  Pertanto, il nostro scopo è stato quello di valutare la fattibilità di una procedura basata sul noto metodo della scala psicofisica, al fine di studiare le capacità di localizzazione del suono nel cane, superando i limiti delle metodiche precedentemente adottate.  

Il test

Dieci cani hanno completato l'esperimento, testando angoli compresi tra 60° e 1°. Il loro MAA variava tra 1,3° e 13,2°, con una media di 7,6°. I cani hanno anche mostrato un miglioramento delle prestazioni durante la procedura.  L’insieme di tali evidenze ha portato a concludere che il metodo ha fornito ai cani un numero sufficiente di ripetizioni per consentire un graduale miglioramento delle prestazioni attraverso l'apprendimento e per raggiungere una stima stabile dell'MAA al termine della procedura.  I risultati hanno anche evidenziato che l'intervallo delle soglie di localizzazione del suono nei cani è più ampio e potenzialmente raggiunge valori molto più bassi rispetto a quanto riportato in precedenza. Sebbene non siano emersi schemi chiari sulla relazione tra MAA e caratteristiche individuali del cane, i risultati suggeriscono di estendere questo studio a campioni su scala più ampia, al fine di esplorare i fattori che potenzialmente spiegano la variabilità interindividuale nelle capacità di localizzazione del suono, includendo ad esempio la razza o la morfologia della testa e/o dell'orecchio.

Sound Localization Ability in Dogs by  Cécile Guérineau, Miina Lõoke, Anna Broseghini, Giulio Dehesh, Paolo Mongillo, Lieta Marinelli Vet. Sci. 2022, 9(11), 619; https://doi.org/10.3390/vetsci9110619

TAG: SUONO, UDITO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Pralinery, una nuova linea di snack a base di carne di suino

Pralinery, una nuova linea di snack a base di carne di suino

A cura di Camon

Il mercato italiano degli animali da compagnia dimostra resistenza, con una spesa di oltre 3 miliardi di euro nel 2023, trainata principalmente dagli alimenti per gatti e cani. Nonostante...

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top