Login con

Cani

22 Dicembre 2021

Cane stressato? Attenti ai rumori domestici

Attenzione ai rumori di casa: potrebbero stressare il tuo cane


Cane stressato? Attenti ai rumori domestici

A dire che i rumori tra le pareti di casa potrebbero stressare il tuo cane è una recente ricerca dell’Università Davis, in California, che punta il dito specialmente contro i rumori ad alta frequenza come le grida di un bambino o il suono emesso dai rilevatori di fumo. Questi dispositivi, infatti, sono progettati per svegliare efficacemente le persone dal sonno profondo e sono quindi comunemente impostati a una frequenza di circa 3.000 Hz, molto fastidiosa, quindi, per i cani che, indipendentemente dalle loro dimensioni corporee, hanno una sensibilità all'udito particolarmente elevata nell'intervallo 1.000-8.000 Hz. Meno problematici, ma pur sempre fastidiosi (anche in relazione alla peculiare sensibilità di ciascun animale) sono risultati i rumori a frequenza più bassa, come quello dell’aspirapolvere. Non solo, dunque, tuoni e fuochi d’artificio, anche i suoni familiari della nostra casa possono mettere a dura prova i nostri pelosi e – in alcuni casi – persino provocare dolore.

“Sappiamo che ci sono molti cani che hanno sensibilità al rumore, ma sottovalutiamo la loro paura perché non tutti siamo capaci di leggere il linguaggio del corpo” ha in proposito commentato Emma Grigg, una delle autrici dello studio.

Come fare, allora, per individuare i primi segnali di malessere? Tra i segnali d’ansia che devono metterci in allarme ci sono mugolii, latrati, brividi, tremori e tendenza a nascondersi, ma attenzione pure a gesti meno evidenti. Un cane stressato infatti potrebbe anche leccarsi le labbra, ansimare, voltare la testa, irrigidirsi o portare le orecchie all’indietro. Per i proprietari, dunque, è fondamentale imparare a interpretare correttamente il linguaggio del corpo degli animali: la ricerca ha infatti evidenziato come spesso, in mancanza di tale sensibilità, si tenda a sottovalutare (o persino ad ignorare) il malessere del proprio cane, a volte reagendo persino con divertimento ai segnali di paura lanciati dall’animale. Riuscire invece a cogliere ogni minimo accenno di paura e stress non solo consentirà di salvaguardare il benessere dell’animale, ma anche di ridurre al minimo lo sviluppo di problemi comportamentali legati all'ansia.  

CITATI: EMMA GRIGG
TAG: BENESSERE ANIMALE, STRESS, UNIVERSITY OF CALIFORNIA DAVIS

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Walter Ricciardi ha esposto un’analisi sui dati oggettivi riguardanti l’aumento delle temperature globali e l’impatto dei gas serra. Biodiversità, ghiacciai e livello del mare, scomparsa di...

A cura di Redazione Vet33

12/07/2024

Il Wwf ha denunciato l’esaurimento delle risorse ittiche del Mediterraneo per il 2024, evidenziando la necessità di un consumo sostenibile. Tra le cause, sovrasfruttamento e crisi climatica

A cura di Redazione Vet33

11/07/2024

In Cambogia salgono così a 7 i casi umani di influenza aviaria H5N1 registrati finora da inizio 2024. In Germania, vicino al confine olandese, è stato invece segnalato un focolaio di influenza...

A cura di Redazione Vet33

11/07/2024

Per il prossimo anno accademico 2024-2025, il Ministero della Salute ha aumentato il fabbisogno di laureati magistrali a ciclo unico in Medicina veterinaria a 1.317 unità, 69 in più rispetto...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Amusi, petfood super premium

Amusi, petfood super premium

A cura di Amusi

Alessandro Corsi è il nuovo Medical & Scientific Affairs Manager del Gruppo B. Braun, una delle maggiori aziende al mondo nello sviluppo, produzione e distribuzione di tecnologie e dispositivi...

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top