Login con

Alert sanitari

04 Aprile 2024

Influenza aviaria. Messico, misure preventive contro casi nei ruminanti

Dopo i casi di influenza aviaria che hanno colpito i ruminanti negli Stati Uniti, il Messico ha rafforzato le misure di controllo e sorveglianza sulle importazioni 
 

di Redazione Vet33


Influenza aviaria. Messico, misure preventive contro casi nei ruminanti

Il Ministero dell’Agricoltura messicano sta adottando misure preventive per aumentare la sorveglianza e rafforzare le ispezioni sulle importazioni di bestiame dagli Stati Uniti dopo che sono stati riscontrati casi di influenza aviaria nei bovini da latte del Paese.


La situazione
Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), l’influenza aviaria è stata finora rilevata in allevamenti da latte in cinque Stati americani.
Il Messico, che è un mercato importante per la carne bovina e i latticini statunitensi, ha deciso di aumentare i controlli sulle importazioni.
La Commissione Messico-Stati Uniti per la prevenzione dell’afta epizootica e di altre malattie esotiche degli animali (Cpa) visiterà le stalle del bestiame per prelevare campioni da analizzare in laboratorio. Inoltre, i funzionari dell’autorità messicana per i servizi igienico-sanitari agricoli (Senasica, Servicio Nacional de Sanidad) aumenteranno la sorveglianza del bestiame che entra nel Paese per qualsiasi segno di difficoltà respiratoria.

La diffusione dell’aviaria
Il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) ha segnalato lunedì il secondo caso di influenza aviaria in una persona che ha avuto contatti con bovini presumibilmente infetti, dopo un caso del 2022 in Colorado.
Negli ultimi anni l’influenza aviaria ha raggiunto nuovi angoli del globo, diffondendosi attraverso gli uccelli selvatici. Dal 2022, negli Stati Uniti sono stati abbattuti 82 milioni di polli, tacchini e altri uccelli. Il virus è fatale per il pollame ma è stato meno grave nei mammiferi.  

TAG: BOVINE DA LATTE, CDC, IMPORTAZIONE, INFLUENZA AVIARIA, MESSICO, SENASICA, USDA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

A cura di Fidovet

Il pet care ha cambiato volto. Renato Della Valle, Ceo di Innovet, ce ne racconta l’evoluzione, fornendoci qualche anticipazione di quello che verrà. ...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top