Login con

Animali da Compagnia

02 Febbraio 2022

Staphylococcus pseudintermedius antimicrobico nel cane e nel gatto: il parere dell’EFSA

Secondo l’AHAW, non è certo se l'AMR lo Staphylococcus pseudintermedius risponda ai criteri dell'articolo 5 e dell'allegato IV della legge sulla salute degli animali


Lo Staphylococcus pseudintermedius (S. pseudintermedius) è stato annoverato tra i batteri resistenti agli antimicrobici (AMR) più rilevanti nell'UE per cani e gatti, non solo in quanto frequentemente implicato nella malattia di questi ultimi, ma anche per gli elevati livelli di resistenza agli antimicrobici clinicamente rilevanti – β-lattamici, lincosamide e fluorochinoloni – sia a livello globale che in alcuni casi anche nell'UE. Inoltre, la sua rilevanza come patogeno della resistenza antimicrobica è evidenziata dalla ricca letteratura in merito. Alla luce di questi presupporti, la Commissione EU ha incaricato l’EFSA di valutare se - sulla base dei criteri enunciati dalla legge sulla salute degli animali (Regolamento UE n. 2016/429)  (in particolare agli artt. 5,7, 8 9 e all’allegato IV), la resistenza di S. pseudintermedius si configuri congruo al quadro tratteggiato dalla normativa.  

I risultati  

Secondo la valutazione effettuata dal Gruppo di Esperti Scientifici dell'EFSA sulla Salute e il Benessere degli Animali (AHAW), è emerso che: “non è certo se l'AMR S. pseudintermedius possa essere considerato idoneo a essere inserito nell'elenco dell'intervento dell'Unione ai sensi dell'articolo 5 dell'AHL (30-90% di probabilità). Secondo i criteri dell'allegato IV, ai fini della categorizzazione relativa al livello di prevenzione e controllo di cui all'articolo 9 dell'AHL, il gruppo di esperti scientifici AHAW ha concluso che il batterio non soddisfa i criteri di cui alle sezioni 1, 2 e 4 (Categorie A, B e D; 0–1%, 1–10% e 10–33% di probabilità di soddisfare i criteri, rispettivamente) e il gruppo di esperti scientifici AHAW è incerto se soddisfi i criteri delle sezioni 3 e 5 (Categorie C ed E, 5–66% e 30–90% di probabilità di soddisfare i criteri, rispettivamente)”.    


Fonte: https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.2903/j.efsa.2022.7080


TAG: EFSA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/07/2024

Due pazienti provenienti da Brasile e Cuba sono risultati positivi al virus Oropouche, grazie a un test diagnostico innovativo che è stato sviluppato dall’Ospedale Sacco di Milano. A livello...

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

L’accesso al primo livello dirigenziale del Sistema Sanitario Nazionale dei medici veterinari convenzionati è stato proposto come ordine del giorno in Senato

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

Un’ indagine Coldiretti/Ixè rivela che sono in aumento gli italiani proprietari di animali che quest’anno viaggeranno con i propri pet. Gli agriturismi si confermano tra le strutture più...

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

Si è definitivamente insediato il nuovo Consiglio di amministrazione dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia: Barreca Presidente, Licitra Vicepresidente, Di Gaudio Direttore Generale per il...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

A cura di Fidovet

E' nato il Gruppo pet di Confcommercio, per unire imprese e professionisti dei settori legati agli animali da compagnia. In quanto realtà flessibile e ...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top