Login con

Alert sanitari

07 Giugno 2024

Influenza aviaria, Messico: Ministro Salute smentisce caso mortale H5N2. Pessima comunicazione Who

Il Ministro della Salute del Messico Jorge Alcocer ha accusato l’Organizzazione Mondiale della Sanità di aver diffuso una comunicazione imprecisa, chiarendo le cause del decesso dell’uomo risultato positivo al virus dell’influenza aviaria H5N2

di Redazione Vet33


Influenza aviaria, Messico: Ministro Salute smentisce caso mortale H5N2. Pessima comunicazione Who

Il Ministro della Salute messicano, Jorge Alcocer, ha criticato la World Health Organization (Who) per la cattiva comunicazione riguardo al presunto caso mortale di influenza aviaria H5N2. Alcocer ha dichiarato che il paziente, un 59enne con diabete e problemi renali, è deceduto per insufficienza renale e respiratoria. Al momento non ci sono prove di trasmissione umana del virus e l’uomo non ha avuto contatti noti che spieghino l’origine del contagio. Le autorità sanitarie messicane si incontreranno con la Who per chiarire la situazione.


Il chiarimento del Ministro
“La comunicazione dell’Organizzazione mondiale della sanità è stata pessima poiché fin dall’inizio si parla di un caso mortale da virus aviario H5N2, cosa che non è avvenuta. Il paziente risultato positivo all’infezione, un 59enne diabetico e con problemi renali, è morto per un’altra causa” ha dichiarato il Ministro della Sanità del Messico Jorge Alcocer, attribuendo in conferenza stampa il decesso comunicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità a ragioni come “l’insufficienza renale e respiratoria”.
All’uomo, che era ricoverato dall’Istituto nazionale per le malattie respiratorie di Città del Messico, “sono stati prelevati diversi campioni, come sempre si fa nei pazienti che arrivano in condizioni non buone” ha aggiunto. “In uno dei campioni è stato trovato il virus H5N2, che è legato all’influenza aviaria”. “Vorrei sottolineare – ha continuato – che la dichiarazione della Who è piuttosto grossolana, poiché fin dall’inizio si parla di un caso fatale, ma non è così: è morto per un’altra causa e senza che fosse determinata, mentre solo marginalmente si dice che il rischio in questo caso è basso”.
Alcocer, spiegando che le autorità sanitarie messicane si incontreranno con la controparte della Who per chiarire tutto ciò, ribadisce che “non ci sono prove di trasmissione umana” e che il paziente “non ha precedenti di contatti” familiari o incontri che spieghino l’origine del contagio.

CITATI: JORGE ALCOCER
TAG: H5N2, INFLUENZA AVIARIA, MESSICO, WHO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Amusi, petfood super premium

Amusi, petfood super premium

A cura di Amusi

L’Istituto Ganassini promuove il Bando Sociale 2023 #ArcadiNoé: al progetto più meritevole di supporto una donazione di 5.000 euro.

A cura di Istituto Ganassini

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top