Login con

Alert sanitari

06 Giugno 2024

Influenza aviaria, Messico: Who conferma primo uomo morto per H5N2

La World Health Organization ha confermato in una nota la morte di una persona in Messico per influenza aviaria. Si tratta del primo caso noto di infezione umana da virus H5N2, una variante diversa da quella rilevata negli Stati Uniti

di Redazione Vet33


Influenza aviaria, Messico: Who conferma primo uomo morto per H5N2

Mercoledì 05 giugno la World Health Organization (Who) ha comunicato che un uomo, un 59enne messicano con precedenti problemi di salute, è deceduto a causa del virus dell’influenza aviaria A/H5N2, una variante diversa da quella diffusa negli Stati Uniti. Si tratta del primo caso umano confermato in laboratorio a livello globale; inizialmente era stato comunicato dalle autorità messicane alla Pan American Health Organization (Paho) lo scorso 23 maggio.


Il caso
In Messico una persona con precedenti problemi di salute è morta dopo aver contratto il virus dell’influenza aviaria A/H5N2 ad aprile. L’uomo, un 59enne residente in Messico, era stato ricoverato il 24 aprile in un ospedale di Città del Messico, il National Institute of Respiratory Disease Ismael Cosio Villegas (Iner), dove è morto il giorno stesso per complicanze, dopo che da giorni aveva sviluppato febbre, mancanza di respiro, diarrea, nausea e malessere generale.

“Sebbene la fonte di esposizione al virus in questo caso sia attualmente sconosciuta, in Messico il virus A/H5N2 è stato segnalato nel pollame” ha dichiarato l’Organizzazione Mondiale della Sanità in una nota. “Sulla base delle informazioni disponibili” l’agenzia ritiene “basso il rischio attuale per la popolazione generale rappresentato da questo virus”.

Secondo la Who si è trattato del primo caso umano confermato in laboratorio di infezione da virus dell’influenza aviaria A/H5N2 a livello globale e del primo virus aviario H5 segnalato in una persona in Messico. Gli scienziati, inoltre, hanno affermato che il caso non è correlato all’epidemia di influenza aviaria H5N1 in corso negli Stati Uniti, la quale finora ha infettato tre lavoratori delle aziende lattiero-casearie.

I test
Dal test Pcr condotto su un campione respiratorio raccolto e testato all’Iner il 24 aprile, la vittima è risultata affetta da un virus dell’influenza A non sottotipizzabile. L’8 maggio il campione è stato inviato per il sequenziamento al Laboratorio di biologia molecolare delle malattie emergenti del Centro per la ricerca sulle malattie infettive dell’Ospedale, che ha riscontrato la positività al virus A/H5N2. Il 20 maggio il campione è arrivato all’Istituto di diagnosi epidemiologica e di riferimento (Indre) del Centro nazionale messicano, dove l’analisi Pcr ha confermato la positività all’influenza A; il 22 maggio, infine, il sequenziamento ha confermato il sottotipo A/H5N2.
Dei 17 contatti dell’uomo identificati e monitorati dall’Iner, uno solo ha riferito di avere leggeri sintomi respiratori tra il 28 e il 29 aprile. I campioni prelevati tra il 27 e il 29 maggio sono però tutti risultati negativi per l’influenza. Nei pressi della residenza dell’uomo, inoltre, sono stati individuati 12 ulteriori contatti (7 sintomatici e 5 asintomatici), dai quali sono stati ottenuti campioni faringei, tamponi nasofaringei e siero. Mentre ancora si attendono i risultati delle analisi sul siero, gli esami condotti sugli altri campioni sono tutti risultati negativi (Sars-CoV-2, influenza A e influenza B). 

TAG: H5N1, H5N2, INFLUENZA AVIARIA, MESSICO, WHO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

A cura di Vetoquinol

È disponibile in Italia il vaccino contro il Coronavirus Respiratorio Bovino (BCoV) somministrabile ai vitelli al giorno zero per via intranasale

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top