Login con

Animali selvatici

01 Febbraio 2024

Stambecchi alpini, riscaldamento globale mette a rischio la specie

Uno studio condotto da ricercatori delle Università di Ferrara e Sassari mostra che l’aumento delle temperature sta modificando il comportamento degli stambecchi, spingendoli a diventare animali sempre più notturni ed esponendoli a un maggior rischio di predazione

di Redazione Vet33


Stambecchi alpini, riscaldamento globale mette a rischio la specie

Secondo una ricerca condotta dalle Università di Ferrara e Sassari, il riscaldamento globale metterebbe a rischio gli stambecchi alpini (Capra ibex), animali tipicamente diurni che stanno cambiando il proprio comportamento in risposta all’aumento delle temperature. 

Lo studio
Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori delle Università di Ferrara e di Sassari in collaborazione con il Parco Nazionale del Gran Paradiso e il Parco Nazionale Svizzero e pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, evidenzia che gli esemplari di Capra ibex stanno diventando più notturni in risposta all’aumento delle temperature, anche nelle aree popolate da lupi (Canis lupus), nonostante il rischio di diventarne facili prede.
Il gruppo di ricerca ha analizzato i dati relativi all’attività di 47 stambecchi (17 femmine e 30 maschi) in due aree protette, il Parco Nazionale del Gran Paradiso e il Parco Nazionale Svizzero, entrambe caratterizzate da altitudine, condizioni climatiche e habitat simili ma con una differenza importante: il parco svizzero al momento non vede la presenza del lupo, attivo soprattutto durante le ore notturno.
Le analisi hanno rivelato, in entrambi i parchi, che gli stambecchi aumentano l’attività notturna dopo giornate particolarmente calde e durante le notti più luminose. Ciò avviene sia per i maschi che per le femmine e sia nelle aree senza predatori che in quelle dove sono presenti. Nel complesso, i risultati supportano l’ipotesi che il bisogno di vivere in condizioni termiche appropriate prevale sul rischio di essere predati.

Le conseguenze
Gli adattamenti comportamentali, come la flessibilità del tempo di attività, sono tra le risposte più rapide degli animali ai fattori di stress ambientale. La ricerca scientifica suggerisce che questo spostamento verso l’attività notturna – causato anche da disturbi umani (dallo sviluppo urbano all’agricoltura, fino alla caccia) – si sta verificando in numerose specie di grandi mammiferi e, nel complesso, potrebbe essere una soluzione per mitigare gli effetti del riscaldamento globale.
Tuttavia, si assiste anche a delle conseguenze negative, come dimostra il caso degli stambecchi: quando sono attivi di notte, infatti, i mammiferi adattati diurni possono soffrire di ridotta efficienza di foraggiamento, comportamenti antipredatori indeboliti, capacità di movimento limitata e ridotti tassi di riproduzione e sopravvivenza.
I ricercatori sottolineano che occorre prestare particolare attenzione alle specie strettamente diurne e che sarà necessario incorporare la conoscenza delle dinamiche temporali nella pianificazione delle loro attività di gestione e conservazione.

Brivio Francesca, Apollonio Marco, Anderwald Pia, Filli Flurin, Bassano Bruno, Bertolucci Cristiano and Grignolio Stefano. 2024 Seeking temporal refugia to heat stress: increasing nocturnal activity despite predation risk. Proc. R. Soc. B. 291: 20231587. 20231587.
DOI: https://doi.org/10.1098/rspb.2023.1587 

TAG: FATTORI DI RISCHIO, LUPI, PREDAZIONE, RISCALDAMENTO GLOBALE, STAMBECCHI, TEMPERATURA, UNIVERSITà DI FERRARA, UNIVERSITà DI SASSARI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Unaitalia ha annunciato la riconferma di Antonio Forlini alla Presidenza per il triennio 2024-2027, con un impegno verso la sicurezza alimentare e il dialogo basato su evidenze scientifiche

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff ha trovato livelli significativi di Pfas nelle lontre, anche se tali sostanze sono state regolamentate, sollevando preoccupazioni sugli impatti...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi hanno segnalato 15 casi di infezioni da Salmonella in 9 diversi Stati americani, con il 60% che coinvolge bambini sotto i 5...

A cura di Redazione Vet33

24/06/2024

La teleradiologia sta trasformando la diagnostica per immagini? Sarà possibile realizzare un futuro di collaborazioni a distanza? Quali carenze restano ancora da colmare? La dottoressa Annalisa...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

StruviPet Plus, un aiuto naturale per le vie urinarie

StruviPet Plus, un aiuto naturale per le vie urinarie

A cura di Camon

Sale il fatturato nominale e crescono i costi, mentre la produzione si contrae. Gli effetti dell’inflazione sui mangimi cambiano gli equilibri del passato e non giovano alla capacità...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top