Login con

AIC

28 Febbraio 2024

Disordini minerali nei bovini, autorizzato un nuovo trattamento

Il Ministero ha autorizzato l’immissione medicinale veterinario Addimag, una soluzione per infusione per il trattamento dell’ipomagnesiemia e dell’ipocalcemia clinica dei bovini

di Redazione Vet33


Disordini minerali nei bovini, autorizzato un nuovo trattamento

La Direzione Generale dei Farmaci Veterinari (Dgsaf) ha autorizzato con un Decreto l’immissione in commercio del medicinale veterinario Addimag, soluzione per infusione per bovini, un prodotto dell’azienda farmaceutica olandese Alfasan.


Il medicinale, vendibile soltanto con prescrizione del medico veterinario in unica copia non ripetibile, è indicato per il trattamento nei bovini dell’ipomagnesiemia clinica (tetania da erba) accompagnata da carenza di calcio e per il trattamento dell’ipocalcemia clinica (collasso puerperale) complicata da carenza di magnesio.
Per quanto riguarda la composizione:
● per Addimag 160 mg/ml + 84 mg/ml ogni millilitro di medicinale contiene 160 mg di calcio gluconato monoidrato, equivalente a 14,3 mg o 0,36 mmol di calcio e 84 mg di magnesio cloruro esaidrato equivalente a 10 mg o 0,41 mmol di magnesio;
● per Addimag 240 mg/ml + 126 mg/ml ogni ml di medicinale contiene invece 240 mg di calcio gluconato monoidrato, equivalente a 21,5 mg o 0,54 mmol di calcio e 126 mg di magnesio cloruro esaidrato, equivalente a 15,1 mg o 0,62 mmol di magnesio.
Inoltre, è autorizzata la vendita delle seguenti confezioni:
● per il medicinale Addimag 160 mg/ml + 84 mg/ml sono autorizzati il flacone in PP da 500 ml (A.I.C. n. 105584015) e il flacone in PP da 750 ml (A.I.C. n. 105584027); il periodo di validità del medicinale confezionato per la vendita è di tre anni, mentre dopo la prima apertura del confezionamento primario la raccomandazione è di usarlo immediatamente;
● per Addimag 240 mg/ml + 126 mg/ml sono autorizzati il flacone in PP da 500 ml (A.I.C. n. 105584039) e il flacone in PP da 750 ml (A.I.C. n. 105584041); il periodo di validità per la vendita è di 2 anni, mentre dopo la prima apertura è indicato l’uso immediato.
Dopo la somministrazione, il tempo di attesa sia per carni e visceri che per il latte è di zero giorni.

TAG: ADDIMAG, AIC, AUTORIZZAZIONE, DGSAF

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

A cura di Vetoquinol

In vista delle elezioni europee, FEDIAF EuropeanPetFood ha pubblicato il proprio manifesto, delineando quelle che sono le priorità dell’Industria del pet food. 91 milioni di famiglie europee...

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top