Login con

Alert sanitari

19 Maggio 2022

Vaiolo delle scimmie, la zoonosi colpisce ancora

Varcati i confini europei il virus monkeypox, noto anche come vaiolo delle scimmie, ha fatto registrare un caso anche oltreoceano. Gli aggiornamenti dell'ECDC e del Centers for Disease Control and Prevention.


Vaiolo delle scimmie, la zoonosi colpisce ancora

Dopo Portogallo, Spagna, Regno Unito e il recente caso italiano segnalato dallo Spallanzani, anche nel Massachusetts è stato registrato un caso di vaiolo delle scimmie, in un uomo che si era recato in volo in Canada. Valicati dunque i confini europei, intervengono anche gli scienziati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) in collaborazione con il Dipartimento della salute pubblica del Massachusetts, esaminando anche i casi segnalati nel vecchio Continente.  Attualmente non è chiaro come le persone risultate infette siano state esposte al vaiolo delle scimmie. Tra le peculiarità delle nuove segnalazioni europee,  l’ECDC rende noto che i casi registrati il ​​16 maggio riguardavano tutti uomini che si identificavano come uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM).     

L’allerta è elevata: in Europa, l'ECDC sta monitorando da vicino la situazione ed è in contatto con gli Stati membri dell'UE e i paesi partecipanti al comitato per la sicurezza sanitaria. Dal canto suo, il CDC sta esortando gli operatori sanitari negli Stati Uniti a prestare attenzione ai pazienti che hanno malattie eruzioni cutanee compatibili con il vaiolo delle scimmie. “Molti di questi rapporti globali di casi di vaiolo delle scimmie si verificano all'interno di reti sessuali. Tuttavia, gli operatori sanitari dovrebbero prestare attenzione a qualsiasi eruzione cutanea che abbia caratteristiche tipiche del vaiolo delle scimmie. Chiediamo al pubblico di contattare il proprio medico se hanno una nuova eruzione cutanea e sono preoccupati per il vaiolo delle scimmie", ha affermato Inger Damon, MD, PhD, unesperto di poxvirus e Direttore della Divisione di alto livello del CDC Consequence Pathogens and Pathology, dove ha sede la ricerca sul poxvirus dell'agenzia.  

Il vaiolo delle scimmie è una zoonosi silvestre causata da un virus appartenente alla famiglia degli Orthopoxvirus. La manifestazione clinica del vaiolo delle scimmie è generalmente lieve. A differenza del vaiolo tendenzialmente colpisce e si diffonde tra le scimmie ma è anche in grado di essere trasmesso tra animale e uomo e tra uomo e uomo. La diffusione del virus Monkeypox può avvenire attraverso il contatto con fluidi corporei, piaghe o oggetti condivisi (come vestiti e biancheria da letto) contaminati. Il virus può anche diffondersi tra le persone attraverso goccioline respiratorie in un ambiente circoscritto. L’incubazione è generalmente compresa tra 6 e 13 giorni, ma può variare da 5 a 21 giorni I sintomi sono simili a quelli influenzali: stanchezza, febbre, dolori diffusi, gonfiore dei linfonodi. Le classiche pustole compaiono successivamente. Due le varianti note: quella dell’Africa occidentale, con una mortalità dell’1% e quella del Congo,  in cui il tasso sale al 10%.

Dal 2018 sono stati segnalati 7 casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito (nel 2021, 2019 e 2018), specialmente in occasione di viaggi in paesi endemici. Tuttavia, questa è la prima volta che vengono segnalate catene di trasmissione in Europa senza collegamenti epidemiologici noti con l'Africa occidentale e centrale, inoltre si tratta pure dei primi casi al mondo segnalati tra gli MSM. 

TAG: CDC, ECDC, MONKEYPOX, VAIOLO DELLE SCIMMIE, ZOONOSI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Uno studio compiuto da diversi ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia-Romagna dimostra una diffusa presenza di ...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

In Brasile i casi segnalati da inizio 2024 hanno superato il milione. Sabato 02 marzo è previsto un “D-Day” per informare la popolazione su come difendersi...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Il Gruppo di lavoro sul Benessere Animale della World Veterinary Association ha pubblicato un Documento con le indicazioni per la gestione e il controllo di...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Un libro che si concentra sui problemi specifici del tratto digerente del gatto con un approccio fortemente clinico, ma senza dimenticarsi dei contributi delle...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Phovia: il sistema che supporta una rapida rigenerazione cutanea per cani e gatti

Phovia: il sistema che supporta una rapida rigenerazione cutanea per cani e gatti

A cura di Vetoquinol

PagoDIL è la soluzione di pagamento dilazionato rapida e sicura per permettere ai tuoi clienti di pagare poco alla volta. Scopri di più a Rimini, in occasione di SCIVAC, presso lo stand di...

A cura di Cofidis

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top