Login con

Normative

25 Giugno 2024

Adozioni internazionali di cani, gatti e furetti. Nuova nota dal Ministero

Il Ministero della Salute ha integrato le linee guida sulle adozioni internazionali di cani, gatti e furetti, dopo il recente aggiornamento di inizio mese

di Redazione Vet33


Adozioni internazionali di cani, gatti e furetti. Nuova nota dal Ministero

Dopo il recente chiarimento in materia, il Ministero della Salute ha emesso una nota integrativa relativa alle adozioni internazionali di cani, gatti e furetti, in linea con il Reg. 2035/2019 e con il DM 2 novembre 2023. Le nuove disposizioni individuano due tipi di stabilimenti autorizzati a movimentare questi animali verso altri Paesi europei, ovvero i rifugi riconosciuti (pubblici e privati) e i centri di raccolta.


La nota
Il Reg. 2035/2019 e coerentemente il DM 2 novembre 2023 all’articolo 5, precisa la nota, individua due tipi di stabilimento che, se riconosciuti, possono movimentare cani, gatti e furetti verso altri Paesi europei: i rifugi, ovvero canili sia pubblici che privati, e i centri di raccolta.
Nell’ambito della lotta al randagismo, in particolare, i centri di raccolta riconosciuti possono fungere da luogo in cui cani provenienti da altri stabilimenti, come i rifugi non riconosciuti, sono momentaneamente detenuti al fine della movimentazione in ambito europeo.
Pertanto, si rende necessario informare i responsabili dei rifugi, soprattutto quelli pubblici, della possibilità di poter procedere direttamente alle adozioni internazionali, previo riconoscimento dello stabilimento e utilizzo obbligatorio del TRACES.
Per quanto riguarda l’adeguamento del SINAC, continua la nota, è stata attivata la funzionalità per inserire la data del riconoscimento, da parte dei Servizi veterinari competenti per territorio, sia della nuova tipologia di stabilimento “centro di raccolta per cani, gatti e furetti” che per i rifugi. Inoltre, è possibile inserire nel SINAC i dati relativi alle adozioni internazionali (dati dell’animale, riferimenti all’adottante, ecc.) valorizzando le informazioni minime obbligatorie, migliorando così l’efficienza e la trasparenza del sistema.

TAG: ADOZIONI INTERNAZIONALI, CANI, FURETTI, GATTI, MINISTERO DELLA SALUTE, RANDAGISMO, SINAC, TRACES

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Amusi, petfood super premium

Amusi, petfood super premium

A cura di Amusi

Fujifilm Healthcare Italia lancia una nuova divisione interamente dedicata alla diagnostica veterinaria, offrendo tecnologie avanzate e servizi integrati per supportare i medici veterinari nella...

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top