Login con

Professione

03 Ottobre 2023

Farmaci veterinari, Fnovi critica sulla proposta: confusione e ratio discutibile

La Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (Fnovi) ha partecipato alla giornata di audizioni informali sulla bozza di Decreto legislativo del farmaco veterinario, sottolineando le criticità già mostrate in sede di Conferenza Stato-Regioni


Farmaci veterinari, Fnovi critica sulla proposta: confusione e ratio discutibile

Dopo Federfarma e Aisa, anche la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (Fnovi) è intervenuta dinanzi alla 10a Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale del Senato della Repubblica, per l’esame del Nuovo codice del farmaco veterinario.

Rivedere le incongruenze in materia di sanzioni, scorte, sperimentazioni e cessione sono state le principali richieste della Dr.ssa Gaetana Ferri, Consigliere Fnovi, che ha preso la parola.

Portiamo in buona sostanza le stesse richieste effettuate in previsione della Conferenza Stato-Regioni” esordisce la dr.ssa Ferri “riferendosi al testo non ancora esaminato ed eventualmente emendato dalla Conferenza Stato-Regioni e PPAA, il cui parere è pervenuto lo scorso 6 settembre”.

In merito alle scorte di medicinali veterinari, viene posta l’attenzione sui medicinali ad uso umano ospedalieri, vietati se trattasi di antimicrobici e qualora esistano anche confezioni vendibili al pubblico, chiedendo che le limitazioni riguardano solo i principi attivi contenuti nel Reg. (UE) 2022/1255, e sulle tempistiche delle registrazioni delle cessioni, comparate a quelle per gli animali d’allevamento, ma dei quali non seguono la stessa ratio di sicurezza alimentare, che richiedono di portare a 7 giorni.

Perplessità vengono sollevate anche nell’ambito degli usi sperimentali, e in particolare alla possibilità di intestare le scorte di farmaci anche a professionisti diversi dal medico veterinario.

Infine, ma non meno importante, invoca una profonda riflessione in merito alle sanzioni, che secondo la Fnovi, non hanno perseguito lo spirito della delega comunitaria (L. n.127/22), né sono proporzionate alla gravità dell’illecito, e divergenti a seconda non tanto del tipo di illecito quanto del soggetto che lo attua.

A cura di Francesca Innocenzi

CITATI: GAETANA FERRI
TAG: FARMACI VETERINARI, FNOVI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Il regolamento europeo sul benessere dei cani e dei gatti presentato lo scorso dicembre è ora all’esame del Parlamento italiano. Tra le prime osservazioni,...

A cura di Redazione Vet33

23/02/2024

Patrizia Prestipino è stata nominata Garante per il Benessere e la tutela degli animali di Roma Capitale

A cura di Redazione Vet33

23/02/2024

Il Ministro dell’Università e della Ricerca ha firmato il Decreto che definisce modalità e contenuti delle prove di ammissione al corso di laurea di...

A cura di Redazione Vet33

23/02/2024

Un manuale per medici veterinari non specializzati nelle malattie della colonna vertebrale e del midollo che guida con un approccio terapeutico integrato, tra...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Canahelp, un nuovo  alimento complementare con farina di canapa

Canahelp, un nuovo alimento complementare con farina di canapa

A cura di Camon

La specialista europea in assicurazione sanitaria per cani e gatti lancia i suoi servizi anche sul mercato italiano, forte di un round di investimento di 150...

A cura di Santévet

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top