Login con

Alert sanitari

19 Settembre 2022

Influenza aviaria, la relazione annuale di EFSA

Presentati i risultati delle attività di sorveglianza basate sia su indagini sierologiche per monitorare la circolazione di AIV nel pollame, sia sul rilevamento di AIV in uccelli selvatici trovati morti o moribondi.


Influenza aviaria, la relazione annuale di EFSA

La sorveglianza nel pollame e negli uccelli selvatici deve continuare, per monitorare le incursioni dei virus dell'influenza aviaria. Negli Stati EU, ma anche in Islanda, Norvegia, Svizzera e Regno Unito (Irlanda del Nord). I dati pubblicati dall’EFSA e relativi al monitoraggio effettuato nel 2021, sono chiari e non permettono di abbassare la guardia. Complessivamente sono stati campionati 24.290 stabilimenti avicoli (PE), di cui 27 sieropositivi per l'influenza A(H5) e 4 per A(H7) virus. Gli stabilimenti PE sieropositivi sono stati trovati in 10 Stati membri e, come negli anni precedenti, con percentuali più elevate negli stabilimenti di allevamento di uccelli acquatici e oche da riproduzione. Di questi 31 PE sieropositivi, 3 sono risultati positivi alla reazione a catena della polimerasi (PCR) per i virus dell'influenza A(H5): 1 per il virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAIV), 1 per il virus dell'influenza aviaria a bassa patogenicità (LPAIV) e 1 con sconosciuto patogenicità del virus. Inoltre, 16 paesi hanno riportato i risultati dei test PCR di 1.858 PE che non corrispondevano al test di follow-up di un evento sierologico positivo. Sessantacinque di questi PE in 10 Stati membri sono stati trovati positivi per AIV. Oltre al pollame, sono stati campionati 31.382 uccelli selvatici, con 2.314 uccelli selvatici risultati positivi per HPAIV mediante PCR. Ventidue paesi hanno segnalato uccelli selvatici positivi all'HPAIV e la maggior parte dei campioni positivi sono stati identificati come virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) A(H5N8). Inoltre, 328 uccelli selvatici sono risultati positivi per LPAIV dei sottotipi A(H5/H7) e 362 uccelli selvatici sono risultati positivi per AIV di sottotipo non-A(H5/H7).         

TAG: AVIARIA, EFSA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Fidovet, una gamma di alimenti freschi, tutta artigianale

Fidovet, una gamma di alimenti freschi, tutta artigianale

A cura di Fidovet

Toccata la soglia delle 30 strutture: Anicura acquisisce il Gruppo Arcella e arriva in Veneto

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top