Login con

Animali selvatici

18 Maggio 2022

Lupi più numerosi, allerta sul rischio di ibridazione

Dal monitoraggio Ispra emerge con chiarezza un dato: numericamente la popolazione di lupi nella nostra Penisola è in crescita. Sotto osservazione anche il dato delle ibridazioni con i cani domestici, per le possibili conseguenze sulla specie.


Lupi più numerosi, allerta sul rischio di ibridazione

Circa 3300: tanti i lupi censiti nella Penisola. Nelle regioni alpine si stima la presenza di circa 950 esemplari, mentre sul resto del territorio si raggiungono le 2400 unità. Questi i numeri emersi dal monitoraggio Ispra effettuato su mandato del Ministero della Transizione ecologica, che ha anche richiesto l’integrazione di tecniche di indagine di campo e genetiche. Trattandosi di stime, per ciascuno dei numeri relativi alla presenza va considerata una forchetta di errore: tra gli 822 e i 1099 per le regioni alpine, tra 2020 e 2645 per le aree peninsulari. A prescindere da tali fisiologiche oscillazioni, un dato è però certo: numericamente la popolazione è cresciuta, specialmente nelle zone alpine.  

Il lupo occupa quindi una larga parte del paese e nelle regioni peninsulari ha colonizzato la quasi totalità degli ambienti idonei. La presenza del lupo è stata documentata da 6520 avvistamenti fotografici con fototrappola, 491 carcasse di ungulato predate, 1310 tracce, 171 lupi morti, oltre che da 16.000 escrementi rinvenuti sul terreno. Sono state condotte 1500 analisi genetiche che hanno permesso di identificare la specie. Grazie al ricorso a ben precisi protocolli, questo monitoraggio ha consentito di superare la disomogeneità delle strategie effettuate a scala locale negli anni passati, e ritenuta una delle principali minacce per la conservazione della specie.

Rischio ibridazione

In Europa, la potenziale ibridazione con il cane (Canis lupus familiaris) può costituire una minaccia per la conservazione del lupo. L’introduzione di geni non adattivi, infatti, potrebbe modificare l’identità genetica del lupo, con conseguenze inevitabili anche sul piano morfologico e attitudinale. Per questo tra i focus del monitoraggio sono state condotte analisi genetiche finalizzate a individuare eventuali ibridazioni e il loro tasso di diffusione. Tra i campioni raccolti sono stati identificati geneticamente 513 individui di lupo, di questi il 72,7% non ha mostrato alcun segno genetico di ibridazione recente o antica con il cane domestico, nell’11,7% sono stati invece individuati segni di ibridazione recente con il cane domestico, mentre nel 15,6% i segni di ibridazione erano più antichi (re-incrocio con il cane domestico avvenuto oltre approssimativamente tre generazioni nel passato).  Naturalmente – sottolinea Ispra – i valori dei tassi di ibridazione antica o recente ottenuti da questa indagine e dalle analisi molecolari non rappresentano una stima formale del fenomeno, né a livello nazionale né locale”, quindi sarebbero necessarie ulteriori indagini per poter valutare il tasso di ibridazione della popolazione italiana di lupi.



Per approfondire: https://www.isprambiente.gov.it/it/attivita/biodiversita/monitoraggio-nazionale-del-lupo/link

TAG: ISPRA, MONITORAGGIO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Walter Ricciardi ha esposto un’analisi sui dati oggettivi riguardanti l’aumento delle temperature globali e l’impatto dei gas serra. Biodiversità, ghiacciai e livello del mare, scomparsa di...

A cura di Redazione Vet33

12/07/2024

Il Wwf ha denunciato l’esaurimento delle risorse ittiche del Mediterraneo per il 2024, evidenziando la necessità di un consumo sostenibile. Tra le cause, sovrasfruttamento e crisi climatica

A cura di Redazione Vet33

11/07/2024

In Cambogia salgono così a 7 i casi umani di influenza aviaria H5N1 registrati finora da inizio 2024. In Germania, vicino al confine olandese, è stato invece segnalato un focolaio di influenza...

A cura di Redazione Vet33

11/07/2024

Per il prossimo anno accademico 2024-2025, il Ministero della Salute ha aumentato il fabbisogno di laureati magistrali a ciclo unico in Medicina veterinaria a 1.317 unità, 69 in più rispetto...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

StruviPet Plus, un aiuto naturale per le vie urinarie

StruviPet Plus, un aiuto naturale per le vie urinarie

A cura di Camon

Tanti passi e un app per contarli: debutta la Condrogen Challenge, iniziativa benefica promossa da Innovet in aiuto delle unità cinofile del Soccorso...

A cura di Innovet

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top