Login con

One Health

06 Aprile 2022

Benessere animale, reclamate a gran voce le info in etichetta

Si è chiusa la consultazione europea sul benessere animale: le opinioni raccolte hanno convinto a un aggiornamento della normativa entro il 2023

di Carmela Ignaccolo


Benessere animale, reclamate a gran voce le info in etichetta

I cittadini europei si sono pronunciati: il benessere animale è una pietra miliare e un principio ineludibile per un’alimentazione sostenibile. La Commissione europea ne ha preso atto, ripromettendosi di modificare in tal senso la legislazione sugli animali entro il 2023, al fine di ampliarne il campo di applicazione e di allinearla alle recenti conoscenze scientifiche e alle aspettative pubbliche.

Anche nell’ambito della strategia EU Farm to Fork.

Tra le principali evidenze della consultazione*, è emerso che per la stragrande maggioranza degli intervistati (il 92%), l'attuale legislazione dell'UE sul benessere degli animali non garantisce una protezione adeguata e uniforme a tutte le specie. Quanto poi al fatto che l’accresciuto benessere animale possa supportare un’alimentazione sostenibile, il quadro delle risposte è variegato: da una parte si evidenzia infatti un certo pessimismo, manifestato tanto dalle istituzioni pubbliche che da consumatori e associazioni ambientaliste. Dall’altro ci sono le aziende, convinte che l’alimentazione sia invece migliorata in termini di sostenibilità. Su un punto, invece, c’è accordo pressoché unanime, ovvero sul fatto che regole comuni sul tema del benessere animale possano incentivare i commerci e sostenere la competizione. Peccato, però, che il 66% del campione ritenga che l’attuale legislazione non dia invece regole certe per una sana concorrenza sui mercati. Infine, ecco emergere altri due punti su cui c’è scarsa soddisfazione; il primo riguarda la trasparenza di informazioni sul benessere animale: il 65 % dei consumatori dice di non essere a sufficienza edotto in merito. L’altra questione riguarda le istituzioni, che lamentano, in primis, la difficile applicazione dei requisiti in materia di benessere degli animali e – in seconda battuta - la mancanza di chiarezza su come applicarli.

Welfare, le richieste dei cittadini.

Quasi il 90% degli intervistati reclama a gran voce un’estensione delle garanzie sia a vacche da latte e a bovini da carne che a cani e gatti. Richieste (anche se in numero minore) di tutele aggiuntive per volpi e visoni. Consumatori in larga parte (84%) contrari anche al taglio della coda dei maialini, decisamente meno sensibili al tema, invece, istituzioni e aziende. Per quanto riguarda l'eliminazione graduale dell'uso delle gabbie, la stragrande maggioranza degli intervistati (93%) ha indicato come tempo massimo di transizione un periodo di 5 anni per scrofe, pollame, vitelli, conigli. Per gli imprenditori, invece la transizione dovrebbe avvenire in un lasso di tempo ben più ampio: 15 anni. Quanto al trasporto di animali vivi, oltre alla richiesta di fissare un tetto alle tempistiche di viaggio, i consumatori sono propensi a vietare l’esportazione fuori dalla UE. Infine, la stragrande maggioranza degli intervistati (94%) si è detta contraria al trasporto di vitelli non svezzati e di altri animali vulnerabili, come le vacche gravide. Su questo punto le adesioni aziendali si sono attestate al 20%. Se sui sistemi di stordimento del pollame e sull’uccisione dei pulcini di un giorno, i pareri tra aziende e consumatori non sono sempre risultati coincidenti, unanimità è invece emersa sul fronte delle etichette informative. Tutti gli intervistati (90%), infatti, hanno dichiarato che un'etichetta UE sul benessere degli animali sarebbe uno strumento utile per informare i consumatori sulle condizioni di trattamento degli animali. La stragrande maggioranza (83%) ha infine affermato che l'etichetta dovrebbe comprendere anche i requisiti sul trasporto e la macellazione.        



*La consultazione pubblica è durata dal 15 ottobre 2021 al 21 gennaio 2022, sul portale Di’ la tua. I rispondenti sono stati 59.281: per il 92% cittadini EU, per il 5% non EU. Il restante 3% risulta variamente composto da accademici, ricercatori, aziende, organizzazioni, aziende pubbliche. Benché tutti i Paesi sono stati rappresentati, il maggior numero di rispondenti appartiene a: Germania (23%), Francia (15%), Polonia (10%), Italia (8%) Svezia (7%), Spagna (6%) e Danimarca (5%).  

TAG: BENESSERE ANIMALE, COMMISSIONE EU

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Uno studio compiuto da diversi ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia-Romagna dimostra una diffusa presenza di ...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

In Brasile i casi segnalati da inizio 2024 hanno superato il milione. Sabato 02 marzo è previsto un “D-Day” per informare la popolazione su come difendersi...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Il Gruppo di lavoro sul Benessere Animale della World Veterinary Association ha pubblicato un Documento con le indicazioni per la gestione e il controllo di...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Un libro che si concentra sui problemi specifici del tratto digerente del gatto con un approccio fortemente clinico, ma senza dimenticarsi dei contributi delle...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

ÆquilibriA, per ridurre lo stato ansioso del cane e del gatto

ÆquilibriA, per ridurre lo stato ansioso del cane e del gatto

A cura di Camon

Sia nel cane che nel gatto, la seborrea può manifestarsi in corso di allergia e alterare l’aspetto del mantello, con la comparsa di scaglie biancastre o,...

A cura di Innovet

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top