Login con

suini

05 Aprile 2022

Maiale come cavia: la LAV contro l’esperimento

In una lettera indirizzata al tribunale e al procuratore capo di Brescia, l’Associazione animalista motiva le sue obiezioni al test giudiziale che prevede di ricostruire le dinamiche del caso Bozzoli, bruciando in un forno il corpo di un maiale. La LAV ipotizza che l’esperimento potrebbe configurarsi come uccisione “non necessitata” (ex Art. 544 -bis del CP).


Maiale come cavia: la LAV contro l’esperimento

Abbattere e cremare un maiale malato, per ricostruire le dinamiche del caso di Mario Bozzoli, scomparso nel 2015 e mai più ritrovato: questo è l’obiettivo del test giudiziale previsto per il prossimo 27 aprile.

Si ipotizza infatti che l’imprenditore, proprietario di una fonderia a Marcheno, sia stato fatto sparire, incenerendolo in un forno del suo stabilimento. La LAV, non approva l'idea del test e invia una lettera al Presidente del tribunale e al Procuratore Capo di Brescia in cui il Presidente, Gianluca Felicetti, motiva le obiezioni dell’Associazione al macabro esperimento.   

Nella lettera Felicetti sottolinea come, a parer suo, l’esperimento giudiziale potrebbe “integrare una condotta penalmente rilevante, consistente nel destinare all’abbattimento un animale, potenzialmente curabile, senza necessità, attesa l’assenza di qualsivoglia notizia in merito all’impossibilità di ricorrere a cure salvavita nei suoi confronti. Infatti, laddove sia confermata nel maiale una eventuale patologia (che oltretutto andrebbe curata in queste settimane, se l’animale è già stato identificato), questa non potrebbe in alcun caso costituire una scriminante rispetto alla condotta di uccisione “non necessitata” di cui all’articolo 544-bis c.p., in quanto un animale malato deve essere curato ed il suo abbattimento può essere scriminato solo se la patologia è incurabile o in quanto l’uccisione risulta consentita nell’ambito delle ipotesi espressamente e tassativamente disciplinate dalla normativa speciale (ad. esempio, per la filiera della macellazione, ai sensi del Regolamento CE n. 1099/2009)”. Felicetti, inoltre, contesta un simile esperimento in quanto creerebbe un precedente pericoloso, mentre ricorda e sottolinea, “il rispetto degli animali e della loro vita è sancito per Legge e oggi lo è ancora di più, con lo specifico riconoscimento della loro tutela nella nostra Costituzione, grazie alla riforma entrata in vigore lo scorso 9 marzo”.

Infine, dopo aver nel dettaglio riportato le norme nazionali ed europee a tutela degli animali, Felicetti conclude proponendo “specifica istanza affinché sia valutata la necessità della revoca del provvedimento che dispone l’esperimento giudiziale relativo all’abbattimento del maiale de quo, in quanto potenziale uccisione non necessitata ai sensi dell’articolo 544-bis del Codice penale”.

TAG: LAV, MAIALE, MARIO BOZZOLI, PROCURA DI BRESCIA, TRIBUNALE DI BRESCIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/07/2024

Due pazienti provenienti da Brasile e Cuba sono risultati positivi al virus Oropouche, grazie a un test diagnostico innovativo che è stato sviluppato dall’Ospedale Sacco di Milano. A livello...

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

L’accesso al primo livello dirigenziale del Sistema Sanitario Nazionale dei medici veterinari convenzionati è stato proposto come ordine del giorno in Senato

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

Un’ indagine Coldiretti/Ixè rivela che sono in aumento gli italiani proprietari di animali che quest’anno viaggeranno con i propri pet. Gli agriturismi si confermano tra le strutture più...

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

Si è definitivamente insediato il nuovo Consiglio di amministrazione dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia: Barreca Presidente, Licitra Vicepresidente, Di Gaudio Direttore Generale per il...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Fidovet, una gamma di alimenti freschi, tutta artigianale

Fidovet, una gamma di alimenti freschi, tutta artigianale

A cura di Fidovet

Il pet care ha cambiato volto. Renato Della Valle, Ceo di Innovet, ce ne racconta l’evoluzione, fornendoci qualche anticipazione di quello che verrà. ...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top