Login con

Ricerca

05 Luglio 2024

Influenza aviaria, in Italia test specifici su bovini e latte crudo. Lo studio IzsVe-Izsler

Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali delle Venezie e della Lombardia ed Emilia-Romagna hanno avviato test sperimentali per prevenire la diffusione del virus H5N1 nei bovini e nel latte crudo

di Redazione Vet33


Influenza aviaria, in Italia test specifici su bovini e latte crudo. Lo studio IzsVe-Izsler

In risposta alla diffusione del virus dell’influenza aviaria ad alta patogenicità (H5N1 HPAI) negli allevamenti statunitensi, gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali delle Venezie (IzsVe) e della Lombardia ed Emilia-Romagna (Izsler) hanno avviato una serie di test sperimentali su bovini e latte crudo. Questi test, condotti in accordo con il Ministero della Salute, puntano a produrre dati scientifici per valutare i rischi e diagnosticare con precisione eventuali casi di infezione in Italia. Finora, oltre 3.200 bovini delle province di Verona, Vicenza e Padova sono risultati negativi, e gli studi sul latte crudo indicano che la pastorizzazione è efficace nell’inattivare il virus.


Indagine sierologica 
Nelle ultime settimane il Centro di referenza nazionale per l’Influenza aviaria (CRN-IA) dell’IzsVe ha messo a punto test virologici e sierologici per la corretta diagnosi di infezione da virus H5N1 HPAI nei bovini. Attualmente, il CRN-IA sta eseguendo un’indagine sierologica per verificare se anche nei territori italiani – in particolare laddove nelle precedenti stagioni si sono concentrati i focolai di influenza aviaria nel pollame e nei volatili selvatici – vi sia stata un’esposizione dei bovini da latte al virus H5N1 HPAI, mediante la ricerca di anticorpi specifici nel loro sangue. Ad oggi, sono stati esaminati oltre 3.200 bovini delle province di Verona, Vicenza e Padova, tutti con esito negativo.

Analisi latte crudo 
Le analisi condotte negli Stati Uniti hanno evidenziato che l’infezione dei bovini da latte determina la presenza del virus nel latte prodotto durante l’infezione. Per prevenire la trasmissione del virus all’uomo, le autorità statunitensi hanno disposto che il latte e tutti i derivati provenienti dagli allevamenti infetti siano sottoposti a pastorizzazione. Questa misura di trattamento termico del latte è considerata idonea a rendere non attivo il virus infettante eventualmente presente.
In Italia si producono formaggi anche a partire da latte non pastorizzato, tra cui i formaggi a latte crudo stagionati, di grande rilevanza nel panorama agroalimentare nazionale e internazionale. Il loro processo produttivo prevede una serie di passaggi che, sulla scorta di numerosi studi condotti in precedenza su altri microrganismi, appaiono idonei a eliminare l’infettività del virus qualora anche allevamenti da latte italiani dovessero infettarsi.
Queste fasi con potere inattivante sono la scrematura iniziale del latte, la coagulazione, la cottura e la giacenza sotto siero della cagliata, la salagione del formaggio e la sua stagionatura per molti mesi o persino anni.
Per fornire evidenze scientifiche dell’effettiva capacità di ridurre adeguatamente il rischio infettante, l’Izsler sta conducendo test per misurare l’abbattimento del virus nel processo di produzione dei formaggi a latte crudo stagionati. I risultati preliminari indicano già che con la sola componente termica del processo si ottiene un deciso abbattimento della carica virale nel latte.

TAG: BOVINI, H5N1, INFLUENZA AVIARIA HPAI, IZS DELLA LOMBARDIA E DELL’EMILIA-ROMAGNA, IZS DELLE VENEZIE, IZSVE, LATTE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Vettys Integra, un pieno di energia per Cani e Gatti

Vettys Integra, un pieno di energia per Cani e Gatti

A cura di Pharmaidea

In occasione del BetterWithPets Forum 2022, Purina Europe ha presentato i suoi progetti finalizzati ad avere un impatto positivo su pet, persone e ambiente. ...

A cura di Purina

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top