Login con

Alert sanitari

17 Giugno 2024

Febbre Oropouche, diagnosticato in Veneto primo caso europeo. Aumentano le arbovirosi

In Veneto, il virus omonimo, trasmesso da un moscerino, è stato identificato in una paziente con una storia recente di viaggi tropicali. Immediatamente è stato avviato il monitoraggio da parte dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar

di Redazione Vet33


Febbre Oropouche, diagnosticato in Veneto primo caso europeo. Aumentano le arbovirosi

È stato diagnosticato in Veneto il primo caso europeo di febbre Oropouche, una malattia virale trasmessa da moscerini e normalmente diffusa nella regione amazzonica. Il caso è stato identificato dal Dipartimento di Malattie Infettive, Tropicali e Microbiologia dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, a Negrar di Valpolicella (Verona), in una paziente con una recente storia di viaggi nella regione tropicale caraibica. 


Il primo caso
È stato diagnosticato in Veneto il primo caso europeo di febbre Oropouche, malattia causata dal virus omonimo normalmente diffuso in Sudamerica. A diagnosticarla è stato il Dipartimento di Malattie infettive tropicali e Microbiologia dell’Irccs Sacro Cuore Don Calabria. La paziente di recente aveva compiuto un viaggio nei Caraibi.
In Sudamerica, in particolare, sono numerosi i focolai di questo virus, classificato come arbovirosi. Nei primi 4 mesi dell’anno, infatti, sono già stati segnalati 5.193 casi confermati tra Bolivia, Brasile, Colombia e Perù. Nello specifico, Brasile e Bolivia hanno registrato contagi in aree in cui non si erano verificati casi autoctoni. Anche la Pan American Health Organization (Paho) ha diffuso dati che dimostrano che questo virus si sta sempre più diffondendo, lanciando un’allerta epidemiologica per il continente americano.
Il caso italiano è già stato segnalato alle autorità sanitarie e alla ASL di competenza della Regione Veneto, nonché ai servizi di informazione e monitoraggio internazionali. Il virus è stato isolato nel laboratorio BSL3 del Dipartimento, un primo passo per poter sviluppare test diagnostici specifici e studi sulla capacità di veicolare il virus da parte di potenziali vettori diffusi anche sul territorio europeo.

La malattia
“La febbre Oropouche è causata dall’omonimo virus (Orov), scoperto nel 1955 nel sangue di un lavoratore forestale di Trinidad e Tobago” ha spiegato Federico Giovanni Gobbi, il Direttore del Dipartimento di Malattie infettive, dell’Irccs di Negrar. 

“Ciò che è più rilevante è che si tratta di un virus che viene trasmesso all’uomo dalle punture di insetti, in particolare moscerini e zanzare” ha continuato il Direttore. “La febbre Oropouche è una delle arbovirosi più diffuse del Sudamerica, con oltre 500mila casi diagnosticati dal 1955 a oggi, un numero probabilmente sottostimato viste le limitate risorse diagnostiche disponibili nell’area di diffusione”.

I sintomi della febbre si manifestano dopo 3-8 giorni dalla puntura dell’insetto vettore, e sono in gran parte sovrapponibili a quelli di altre febbri virali tropicali come Dengue, Zika o chikungunya. Includono febbre alta (oltre i 39 °C), mal di testa, dolore retrorbitale, malessere, mialgia, artralgia e nausea, e possono presentare complicazioni neurologiche. 

Concetta Castilletti, responsabile dell’Unità di Virologia e Patogeni Emergenti dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria ha commentato: “Sono stati registrati sporadici casi di interessamento del sistema nervoso centrale, come meningite ed encefalite. Nel 60% circa dei casi dopo la prima fase acuta i sintomi si ripresentano, in forma meno grave: di solito da due a dieci giorni, ma anche dopo un mese dalla prima comparsa”.

“Le arbovirosi come la febbre Oropouche – hanno aggiunto dall’ospedale – costituiscono una delle emergenze di salute pubblica con le quali dobbiamo abituarci a convivere. I cambiamenti climatici e l’aumento degli spostamenti delle popolazioni umane rischiano di rendere endemici anche alle nostre latitudini virus un tempo confinati nella fascia tropicale. È fondamentale essere sempre preparati a rispondere all’emergenza di patogeni che non sono abitualmente diffusi nella fascia mediterranea, e sotto questo aspetto l’essere riusciti ad isolare il virus Orov ci fornisce un’arma in più per affinare la diagnostica e la ricerca. La diagnosi tempestiva e la sorveglianza costante, unite a interventi di salute pubblica come le disinfestazioni, rimangono lo strumento principale per contenere questi rischi”.

La diagnosi effettuata dall’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria conferma l’importanza di disporre di presidi specializzati, in grado di monitorare costantemente l’andamento delle arbovirosi e di altre patologie trasmissibili” ha chiosato il dottor Gobbi. “La duplice specializzazione del nostro IRCCS in malattie infettive e tropicali, e il fatto che da oltre trent’anni sia presente presso il nostro ospedale un servizio di medicina dei viaggiatori, ci mettono nelle condizioni di poter individuare con tempestività l’emergenza di potenziali rischi di salute pubblica, che in questo modo possono essere gestiti sul nascere grazie alla consolidata collaborazione con le autorità sanitarie della provincia di Verona e della Regione Veneto”.

CITATI: CONCETTA CASTILLETTI, FEDERICO GIOVANNI GOBBI
TAG: ARBOVIROSI, FEBBRE OROPOUCHE, PAHO, VENETO, ZANZARE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Phovia: il sistema che supporta una rapida rigenerazione cutanea per cani e gatti

Phovia: il sistema che supporta una rapida rigenerazione cutanea per cani e gatti

A cura di Vetoquinol

In un momento in cui la percezione degli animali domestici come membri della famiglia è in forte crescita, il Polo tecnologico di Navacchio ha scelto di...

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top