Login con

Alert sanitari

11 Giugno 2024

Dengue e West Nile, aumentano malattie trasmesse da vettore. Ecdc: numeri record per 2024

Il cambiamento climatico e l’aumento dei viaggi internazionali stanno favorendo la diffusione in Europa delle malattie trasmesse da vettore. L’Ecdc ha già registrato un importante incremento dei casi di Dengue e West Nile e prevede numeri record per il 2024

di Redazione Vet33


Dengue e West Nile, aumentano malattie trasmesse da vettore. Ecdc: numeri record per 2024

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha rilevato un preoccupante aumento dei casi di malattie trasmesse da vettori, come la Dengue e il virus del Nilo occidentale, all’interno dell’Ue/See. Nel 2023, i casi di Dengue acquisiti localmente sono raddoppiati rispetto all’anno precedente, mentre i casi importati hanno raggiunto un numero record. Ora, nei primi mesi del 2024, diversi Paesi hanno segnalato ulteriori aumenti. Anche il virus West Nile ha mostrato una diffusione significativa, con nuovi focolai in diverse regioni. Per l’Ecdc, tra le varie cause il cambiamento climatico e l’incremento dei viaggi internazionali.


L’aumento dei casi 
Nel 2023 sono stati segnalati 130 casi di Dengue acquisiti localmente nell’Ue/See, contro i 71 casi segnalati nel 2022. Si tratta di un aumento significativo rispetto al periodo di dieci anni 2010-2021, in cui il numero totale dei casi acquisiti localmente era 73.
Sono aumentati anche i casi importati con 1.572 segnalazioni nel 2022 e oltre 4.900 nel 2023. Si tratta del numero più alto di casi di Dengue importati segnalati dall’inizio della sorveglianza nell’Unione del 2008.
Nei primi mesi del 2024, diversi Paesi hanno già segnalato aumenti sostanziali nel numero di casi di Dengue importati, il che potrebbe suggerire che i numeri potrebbero diventare ancora più alti. 
Per il virus del West Nile, nel 2023, nell’Ue/See sono stati segnalati 713 casi acquisiti localmente in 123 diverse regioni di nove Paesi. 22 di queste regioni sono state registrate come luoghi di infezione per la prima volta. Inoltre, ci sono stati anche 67 decessi. Il conteggio dei casi segnalati è inferiore a quello del 2022, con 1.133 casi umani, ma il numero di regioni colpite è il più alto dal picco del 2018, indicando un’ampia circolazione geografica del virus.

“L’Europa sta già assistendo a come il cambiamento climatico stia creando condizioni più favorevoli affinché le zanzare invasive si diffondano in aree precedentemente non colpite e infettino più persone con malattie come la Dengue. L’aumento dei viaggi internazionali dai Paesi dove la Dengue è endemica aumenterà anche il rischio di casi importati e, inevitabilmente, anche di epidemie locali” ha affermato Andrea Ammon, direttore dell’Ecdc. “Le misure di protezione personale combinate con misure di controllo dei vettori, l’individuazione precoce dei casi, la sorveglianza tempestiva, ulteriori attività di ricerca e di sensibilizzazione sono fondamentali nelle aree d’Europa più a rischio”.

La diffusione
Aedes albopictus, noto per trasmettere i virus Dengue, Chikungunya e Zika, si sta diffondendo più a nord, est e ovest dell’Europa e ora conta popolazioni autosufficienti in 13 paesi dell’Unione.
Aedes aegypti, vettore dei virus della febbre gialla, della Dengue, della Chikungunya e del virus Zika, si è recentemente affermato a Cipro. Il suo potenziale di insediamento in altre parti d’Europa è preoccupante a causa della sua significativa capacità di trasmettere agenti patogeni e della sua preferenza nel mordere gli esseri umani.
La zanzara Culex pipiens, responsabile della diffusione del virus West Nile, è originaria dell’Europa ed è presente in tutta lo spazio economico europeo.

Le cause
L’Ecdc prevede con certezza che il cambiamento climatico avrà un impatto significativo sulla diffusione delle malattie trasmesse dalle zanzare in Europa, attraverso la creazione di condizioni ambientali favorevoli al loro insediamento e alla crescita delle popolazioni. Quest’anno a Siviglia è stato segnalato un caso umano confermato di infezione da virus del Nilo occidentale, acquisito localmente, con insorgenza dei sintomi all’inizio di marzo. Sebbene si tratti di un caso isolato, è evidente che la trasmissione del virus West Nile può verificarsi molto presto nel corso dell’anno, probabilmente a causa delle condizioni nuove climatiche.

Le misure di sicurezza
L’istituzione di misure coordinate di controllo dei vettori è un elemento chiave per la lotta contro le malattie trasmesse dalle zanzare e saranno necessarie ulteriori ricerche per sviluppare strumenti efficienti ma ecologici per gestire le popolazioni di zanzare. Parallelamente, si dovrebbero informare le popolazioni sulle misure semplici da adottare, come la rimozione dell’acqua stagnante nei giardini o nei balconi dove si riproducono le zanzare, l’uso di indumenti che coprano la maggior parte del corpo, l’uso di repellenti per zanzare, l’uso di zanzariere per finestre/porte, oltre a dormire in stanze climatizzate. Affinché queste misure possano essere ampiamente applicate, sono essenziali grandi campagne di sensibilizzazione.

CITATI: ANDREA AMMON
TAG: CAMBIAMENTO CLIMATICO, CHIKUNGUNYA, DENGUE, ECDC, VIRUS WEST NILE, VIRUS ZIKA, ZANZARE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

4 innovativi oli nella linea Immunis di FidOVet

A cura di Fidovet

Un’azienda californiana di biotecnologie sta sviluppando un farmaco sperimentale per aumentare l’aspettativa di vita dei cani di grande taglia. Secondo...

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top