Login con

suini

15 Aprile 2024

Peste suina africana a Langhirano. Prosciutto di Parma a rischio

Nei giorni scorsi è stata trovata nei pressi di Langhirano, patria del prosciutto di Parma, la carcassa di un cinghiale infetto da Psa. Il rischio ora è che Paesi esteri importatori decidano di sospendere i commerci con le aziende presenti in zone dove si registrano casi

di Redazione Vet33


Peste suina africana a Langhirano. Prosciutto di Parma a rischio

A pochi chilometri di distanza da Langhirano, città conosciuta internazionalmente per la produzione del Prosciutto di Parma, nei giorni scorsi è stata trovata la carcassa di un cinghiale infetto. La vicenda rende sempre più probabile l’aumento dell’indice di rischio della zona, situazione che farebbe crollare le esportazioni del prodotto Dop, mettendo l’intero settore in crisi.


La vicenda
La peste suina è arrivata vicino a Langhirano, il più importante centro di produzione del prosciutto crudo di Parma Dop, uno dei prodotti certificati italiani più famosi al mondo. A pochi chilometri di distanza dalla città, infatti, è stata trovata la carcassa di un cinghiale affetto Peste suina africana, malattia non pericolosa per l’uomo ma mortale per i suinidi.

“Il cinghiale affetto da peste suina è stato trovato nel territorio di Varano de’ Melegari al confine con Sala Baganza e Calestano. Tra noi e il luogo del ritrovamento della carcassa c’è un altro comune, però certo la paura è tanta” ha commentato Paolo Tanara, produttore di prosciutto sia di Parma Dop sia di Filiera Emiliana, di suino bianco e nero, fuori dalla certificazione. “Stiamo aspettando di sapere se queste aree verranno ulteriormente estese oppure no”.

Al momento Langhirano si trova nella prima area di restrizione, ma i produttori sono in stato di allerta. Sono attese le decisioni dei Ministeri della Sanità, dello Sviluppo Economico, dell’Agricoltura e della Difesa per fra fronte al problema.

I rischi
Studi scientifici condotti parallelamente dalle Autorità sanitarie americane e italiane – Plum Island Animal Disease Center, Agricultural Research Service e Istituto Zooprofilattico Sperimentale Italiano di Brescia – hanno dimostrato che una stagionatura minima di 400 giorni è in grado di inattivare le principali malattie infettive del suino (afta, malattia vescicolare, peste suina classica, peste suina africana), offrendo una totale sicurezza dal punto di vista sanitario, anche nell’ottica di possibili futuri focolai. Il problema riguarda i salumi con una stagionatura minore di 400 giorni, ossia realtà che costituiscono una piccola nicchia di mercato.
Il rischio maggiore lo corrono le aziende che producono salumi. A rischio è, infatti, l’economia del prosciutto di Parma, una delle voci più importanti del nostro export. A seguito dei primi casi di peste suina nel gennaio 2022, Giappone, Cina, Messico e Corea del Sud hanno bloccato le importazioni di prosciutto di Parma e di altri salumi. La speranza ora è che altre nazioni, come Canada, Usa e Australia, mercati importanti per il settore della salumeria, non facciano lo stesso chiudendo le frontiere.
L’aumento del livello di rischio in cui si trova la zona di Langhirano renderebbe più problematica la vendita all’estero dei prodotti, perché gli altri Paesi difficilmente vorranno acquistare prosciutti provenienti da zone considerate infette. Con l’inevitabile crollo delle esportazioni, i prezzi del prosciutto sul mercato interno potrebbero quindi diminuire per eccedenza di offerta.

CITATI: PAOLO TANARA
TAG: ESPORTAZIONI, LANGHIRANO, PROSCIUTTO DI PARMA, PSA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Prolife Life Style Mature White Fish & Rice - Mini

Prolife Life Style Mature White Fish & Rice - Mini

A cura di Zoodiaco

Il gruppo Mars presenta un agevole manuale con teorie e pratici consigli per ospitare i propri amici a quattro zampe al lavoro e creare così un ambiente...

A cura di Redazione Vet33

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top