Login con

Normative

09 Febbraio 2024

Caccia e pesca. Ue apre procedura di infrazione per l’Italia

La Commissione europea ha inviato una lettera di messa in mora per il mancato allineamento dell’Italia alla legislazione Ue, in particolare per quanto riguarda Direttiva Uccelli, Direttiva Habitat e Regolamento Reach. L’Italia ha ora due mesi di tempo per rispondere

di Redazione Vet33


Caccia e pesca. Ue apre procedura di infrazione per l’Italia

La Commissione europea ha avviato una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per il mancato allineamento ad alcune direttive Ue. In particolare, si fa riferimento alle norme sulla caccia di fauna selvatica in aree in cui tale pratica è vietata e sulle catture accessorie di cetacei, tartarughe e uccelli marini da parte dei pescherecci. L’Italia ha ora due mesi di tempo per rispondere; in assenza di una risposta soddisfacente, la Commissione potrà decidere di emettere un parere motivato.


La procedura di infrazione
La commissione ha individuato diversi atti legislativi italiani non conformi alla legislazione dell’Ue, in particolare nei riguardi della direttiva uccelli e del regolamento Reach, che limita l’uso delle munizioni contenenti piombo per proteggere gli uccelli acquatici, l’ambiente e la salute umana, così come della direttiva Habitat.
La procedura di infrazione è uno strumento che garantisce il rispetto e l’effettività del diritto dell’Unione. Viene avviata dalla Commissione con una richiesta di informazioni – la lettera di costituzione in mora che l’Italia ha ora ricevuto – indirizzata a uno Stato membro che dovrà rispondere entro un determinato periodo di tempo. Se la Commissione non è soddisfatta delle informazioni ricevute, può allora inviare una richiesta formale per conformarsi alle norme comunitarie – meglio conosciuta come “parere motivato – invitando lo Stato membro a informare la Commissione sulle misure adottate. Infine, se non si verificano le condizioni di rispetto del diritto comunitario, la Commissione può decidere di deferire lo Stato membro alla Corte di giustizia dell’Unione.

Le direttive non rispettate
Nella lettera di messa in mora inviata a Roma, la Commissione europea evidenzia che, in violazione della direttiva uccelli, “la legislazione italiana conferisce alle regioni il potere di autorizzare l’uccisione o la cattura di specie di fauna selvatica, anche nelle aree in cui la caccia è vietata, come le aree protette, e durante il periodo dell’anno in cui la caccia è vietata”. Inoltre, l’Italia non avrebbe rispettato il regolamento Reach, che “limita l’uso di pallini contenenti piombo all’interno o in prossimità delle zone umide”.
Bruxelles ritiene anche che le autorità nazionali non abbiano adottato le misure dalla direttiva Habitat per monitorare e contrastare la cattura accidentale di delfini, tartarughe e uccelli marini durante le attività di pesca, un fenomeno che rappresenta un rischio per la conservazione di specie protette e della biodiversità. Alle autorità nazionali viene anche contestato di non essere intervenute adeguatamente per evitare che diverse specie acquatiche e di volatili venissero disturbate all’interno dei siti designati con il programma Natura 2000 proprio per la loro tutela e conservazione. Tra le motivazioni avanzate figura anche il mancato monitoraggio dello stato di conservazione di diverse specie protette.

In assenza di risposte soddisfacenti entro due mesi, la Commissione potrebbe decidere l’invio di un parare motivato, avviando la seconda fase della procedura d’infrazione.

TAG: COMMISSIONE EUROPEA, DIRETTIVA HABITAT, DIRETTIVA UCCELLI, REGOLAMENTO REACH

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Uno studio compiuto da diversi ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia-Romagna dimostra una diffusa presenza di ...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

In Brasile i casi segnalati da inizio 2024 hanno superato il milione. Sabato 02 marzo è previsto un “D-Day” per informare la popolazione su come difendersi...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Il Gruppo di lavoro sul Benessere Animale della World Veterinary Association ha pubblicato un Documento con le indicazioni per la gestione e il controllo di...

A cura di Redazione Vet33

01/03/2024

Un libro che si concentra sui problemi specifici del tratto digerente del gatto con un approccio fortemente clinico, ma senza dimenticarsi dei contributi delle...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Da Camon 4 nuovi prodotti  per il relax e il trasporto dei gatti

Da Camon 4 nuovi prodotti per il relax e il trasporto dei gatti

A cura di Camon

Novità nell’organigramma del team italiano: Valentina Menato succede ad Alessia Prescendi  nel ruolo di Pet Specialty Retail Director.

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top