Login con

One Health

10 Maggio 2023

Carne coltivata e latte ‘sintetico’, il dibattito tra esperti e stakeholder

Carne da coltura cellulare e latte da microrganismi: un incontro per affrontare le novità e i progressi scientifici ma anche i potenziali rischi di questi nuovi procedimenti produttivi.


Carne coltivata e latte ‘sintetico’, il dibattito tra esperti e stakeholder

Le nuove tecnologie innovative di coltura cellulare, ingegneria tissutale e fermentazione di precisione sono alla base di potenziali nuovi alimenti come la carne ottenuta da cellule coltivate o le proteine del latte ottenute da microrganismi. Sul tema l'EFSA ha organizzato una due giorni (11 e 12 maggio) di colloqui e confronti per raccogliere opinioni e approfondimenti da esperti di primo piano, rappresentanti di agenzie europee, internazionali e nazionali, aziende tecnologiche, operatori alimentari, e gruppi di consumatori. In attesa dell'evento, che sarà trasmesso in diretta online, alcuni esperti del settore hanno dettagliato il perimetro del confronto.

Cos’ è l'ingegneria tissutale?

"L'ingegneria cellulare e tissutale - ha spiegato Ramiro Alberio, professore di biologia dello sviluppo presso l'Università di Nottingham nel Regno Unito  - consente la coltivazione di cellule e tessuti separatamente da un intero organismo. Ad esempio, poche cellule provenienti da un muscolo o da un altro organo possono essere coltivate in condizioni controllate senza le altre parti dell'organo. L'ingegneria cellulare viene già utilizzata in medicina per rigenerare i tessuti o sostituire le cellule danneggiate o malate. Le tecnologie sono ora avanzate e potrebbero essere applicate in altri settori, come il settore agroalimentare".

Cosa si intende per fermentazione di precisione? "La fermentazione di precisione – prosegue Alberio - è già in uso da anni per produrre medicinali come l'insulina e gli enzimi alimentari, ad esempio nella produzione di formaggio. La scienza alla base di questa tecnologia è in continua evoluzione, aumentando la gamma di potenziali applicazioni alimentari".  

Gli alimenti e gli ingredienti alimentari prodotti con queste tecnologie sono sicuri?

"Finora all'EFSA – ha precisato Wolfgang Gelbmann funzionario scientifico dell'EFSA nel settore dei nuovi prodotti alimentari - non è stato chiesto di valutare alcun alimento derivato da cellule animali coltivate, ciò che la gente potrebbe chiamare 'carne coltivata in laboratorio'. Ma abbiamo valutato diversi nuovi ingredienti alimentari prodotti attraverso la fermentazione di precisione. Ci aspettiamo di ricevere nuove applicazioni alimentari su alimenti derivati da colture cellulari nei prossimi mesi e anni. Quindi, stiamo tenendo il passo con la scienza per rimanere preparati quando arriveranno tali applicazioni". "Siamo fiduciosi", ha aggiunto il dott. Gelbmann, "che le linee guida sui nuovi alimenti preparate dai nostri esperti insieme agli altri documenti orientativi trasversali applicabili dell'EFSA siano adatte a questo scopo. In effetti, negli ultimi anni abbiamo valutato oltre un centinaio di applicazioni che coprono un'ampia varietà di nuovi alimenti utilizzando queste linee guida. Tuttavia, li esaminiamo regolarmente per tenerli aggiornati con i progressi della scienza e delle tecnologie.  Incontriamo regolarmente le parti interessate sui nuovi alimenti in eventi scientifici e workshop per discutere le sfide tecnologiche e gli aspetti di sicurezza. Il colloquio è un ingrediente importante in questo dialogo in corso".  

Chi decide se il cibo derivato dalla coltura cellulare è pronto per il mercato? 

La produzione effettiva di alimenti derivati da colture cellulari nell'UE è agli inizi, ma in rapida crescita, come nel resto del mondo, ma non è stata ancora ricevuta alcuna domanda.  In quanto organo consultivo scientifico indipendente, l'EFSA non ha voce in capitolo nel processo decisionale dell'UE e non è né favorevole né contraria all'uso di una nuova tecnologia alimentare come gli alimenti derivati da colture cellulari. Le decisioni sull'autorizzazione all'immissione in commercio dei nuovi prodotti alimentari e sui requisiti di etichettatura sono prese dalle autorità di regolamentazione dell'UE, vale a dire la Commissione europea insieme agli Stati membri dell'UE. La Commissione ha già dichiarato in precedenza che la tecnologia delle colture cellulari contribuisce potenzialmente al conseguimento degli obiettivi della strategia dell'UE "Dal produttore al consumatore" per sistemi alimentari equi, sicuri, sani e sostenibili dal punto di vista ambientale.  

Cosa pensano i consumatori?

"La naturalezza percepita del cibo o delle tecnologie alimentari  - ha spiegato Michael Siegrist del gruppo di ricerca dell'ETH di Zurigo sugli alimenti e il comportamento dei consumatori  -è un fattore critico per i consumatori. Se entrambi sono percepiti come innaturali, l'accettazione da parte dei consumatori è di solito difficile da raggiungere. Questa dipendenza dalla 'naturalezza' è una scorciatoia mentale, chiamata 'euristica', che tutte le persone prendono: 'se è naturale, non può danneggiarmi, anzi, deve essere buono per me'. Il contrario vale per ciò che non è naturale".

Anche la comunicazione sui potenziali benefici sociali ed economici svolge un ruolo nell'accettazione dei nuovi alimenti da parte dei consumatori. Ad esempio, molti consumatori non sono consapevoli dell'impatto ambientale della produzione di carne, il che può aiutare a spiegare la loro riluttanza a ridurre il consumo di carne o a mangiare alternative.

"Alla fine" - ha concluso il professor Siegrist - "il prezzo e il gusto sono i principali driver per la maggior parte dei consumatori. In un lontano passato, nuovi alimenti in Europa come pomodori e patate sono diventati importanti alimenti di base, più recentemente semi di chia e quinoa. Resta da vedere se le persone supereranno le barriere psicologiche e informative al cibo derivato dalla coltura cellulare. Ma sarà certamente il caso solo se prodotti come la carne derivata dalla coltura cellulare hanno un sapore buono e sono più economici delle alternative tradizionali".

Il colloquio scientifico dell'EFSA inizia alle 9.00 dell'11 maggio e termina il 12 maggio alle 12.30. Per il programma e  le discussioni online clicca qui.   

TAG: CARNE COLTIVATA, COLTURE CELLULARI, EFSA, LATTE DA MICRORGANISMI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/07/2024

Due pazienti provenienti da Brasile e Cuba sono risultati positivi al virus Oropouche, grazie a un test diagnostico innovativo che è stato sviluppato dall’Ospedale Sacco di Milano. A livello...

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

L’accesso al primo livello dirigenziale del Sistema Sanitario Nazionale dei medici veterinari convenzionati è stato proposto come ordine del giorno in Senato

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

Un’ indagine Coldiretti/Ixè rivela che sono in aumento gli italiani proprietari di animali che quest’anno viaggeranno con i propri pet. Gli agriturismi si confermano tra le strutture più...

A cura di Redazione Vet33

17/07/2024

Si è definitivamente insediato il nuovo Consiglio di amministrazione dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia: Barreca Presidente, Licitra Vicepresidente, Di Gaudio Direttore Generale per il...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

A cura di Vetoquinol

In occasione dell’edizione 2023 di Zoomark, per la prima volta i prodotti e i servizi pet più innovativi riceveranno i Pet Vision Awards. 

A cura di Zoomark

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top