Login con

Cani

27 Marzo 2023

Ansia, stress e aggressività, ecco come si diffondono nel cervello del cane

Anomalie nella connettività neuronale potrebbero spiegare gli stati d’ansia del cane. Lo studio belga su amigdala, talamo, lobo frontale e ippocampo.


Ansia, stress e aggressività, ecco come si diffondono nel cervello del cane

L'ansia è una malattia comune nei disturbi psichiatrici umani ed è stata anche descritta come un problema neuropsichiatrico frequente nei cani. Studi di neuroimaging umano hanno mostrato che reti cerebrali con anomalie funzionali potrebbero essere coinvolte nell'ansia. In questo studio di matrice belga, si è ipotizzato che anche nei cani ansiosi si possa trovare una connettività neurale regionale anormale simile a quella degli esseri umani.  Per verificare questa ipotesi, si è eseguita una risonanza magnetica funzionale (rs-fMRI) allo stato di riposo su 25 cani sani e su 13 con disturbi ansiosi. Per la valutazione dei sintomi correlati allo stato ansioso si è fatto ricorso al  Canine Behavioral Assessment & Research Questionnaire.     

A questo scopo si sono costruite reti cerebrali funzionali e si è utilizzata la teoria dei grafi per confrontare le differenze tra i due gruppi. Nella topologia della rete globale non sono state rilevate differenze significative. Invece, limitatamente al circuito dell'ansia, la situazione mutava significativamente, in quanto nei tredici cani ansiosi l'efficienza globale e l'efficienza locale erano significativamente più elevate, e la lunghezza caratteristica del percorso era decisamente inferiore nell'amigdala nei pazienti. Nello specifico è stata rilevata una maggiore connettività tra amigdala-ippocampo, amigdala-mesencefalo, amigdala-talamo, lobo frontale-ippocampo, lobo frontale-talamo e ippocampo-talamo, tutti parte del circuito dell'ansia. Sono risultate significative anche le correlazioni tra metriche di rete e sintomi di ansia.  Le misure di rete alterate nell'amigdala, per esempio, erano correlate con la paura e l'eccitabilità connesse ad una minaccia esterna; il grado alterato nell'ippocampo era correlato all'attaccamento/ricerca di attenzione; mentre la funzione anormale del lobo frontale era correlata all'inseguimento e all'aggressività. Alla luce di queste evidenze si è concluso che - sebbene siano ancora necessarie ulteriori ricerche - la rs-fMRI potrebbe fornire utili informazioni diagnostiche per l'ansia nei cani. In futuro, si potrebbe indagare pure il potenziale di rs-fMRI come strumento diagnostico per la risposta al trattamento, come trattamenti farmacologici o trattamenti di modulazione neurale come rTMS. 

Network analysis reveals abnormal functional brain circuitry in anxious dogs     -   https://doi.org/10.1371/journal.pone.0282087

TAG: AMIGDALA, ANSIA, CANINE BEHAVIORAL ASSESSMENT & RESEARCH, LOBO FRONTALE, RETI NEURONALI, STRESS

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Walter Ricciardi ha esposto un’analisi sui dati oggettivi riguardanti l’aumento delle temperature globali e l’impatto dei gas serra. Biodiversità, ghiacciai e livello del mare, scomparsa di...

A cura di Redazione Vet33

12/07/2024

Il Wwf ha denunciato l’esaurimento delle risorse ittiche del Mediterraneo per il 2024, evidenziando la necessità di un consumo sostenibile. Tra le cause, sovrasfruttamento e crisi climatica

A cura di Redazione Vet33

11/07/2024

In Cambogia salgono così a 7 i casi umani di influenza aviaria H5N1 registrati finora da inizio 2024. In Germania, vicino al confine olandese, è stato invece segnalato un focolaio di influenza...

A cura di Redazione Vet33

11/07/2024

Per il prossimo anno accademico 2024-2025, il Ministero della Salute ha aumentato il fabbisogno di laureati magistrali a ciclo unico in Medicina veterinaria a 1.317 unità, 69 in più rispetto...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

Felpreva, una svolta nella parassitologia dei pet

A cura di Vetoquinol

Il gel dermatologico di Innovet si avvale di una formulazione completa che favorisce la corretta riepitelizzazione, migliorando la salute e l’aspetto ...

A cura di Innovet

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top