Login con

Gatti

28 Giugno 2024

Gravidanza nella gatta. Aspetti fisiologici dello sviluppo embrionale

La gatta è un animale poliestrale stagionale la cui gravidanza comporta significativi cambiamenti fisiologici a livello anatomico, endocrino e metabolico. Conoscerne il corretto sviluppo è essenziale per monitorarne la gestazione

di Redazione Vet33


Gravidanza nella gatta. Aspetti fisiologici dello sviluppo embrionale

La gravidanza nella gatta è un periodo complesso e ricco di cambiamenti, simile e al contempo diverso rispetto a quella della cagna. Definita come periodo di intervallo tra l’accoppiamento fecondo e il parto, ha una durata compresa tra 52 e 74 giorni, con una media di 65,6 giorni. Questa variabilità è dovuta al fatto che il singolo accoppiamento non porta sempre all’ovulazione.

Ma quali sono i cambiamenti che vivrà la gatta durante la gravidanza? Ce lo spiegano Michela Beccaglia e Chiara Trovò nel volume Riproduzione del cane e del gatto, a firma della stessa dottoressa Beccaglia e della dottoressa Maria Carmela Pisu

Accoppiamento e ovulazione
Durante l’accoppiamento, il pene del gatto, dotato di spicole cornee, provoca la distensione della vagina posteriore e induce la liberazione dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH). Per ottenere il rilascio di GnRH è necessario uno stimolo sufficiente, copulatorio o non copulatorio. Il picco di ormone luteinizzante (LH) si verifica entro pochi minuti dall’accoppiamento e, in caso di accoppiamenti ripetuti, è di maggiore ampiezza e durata, aumentando le probabilità che si verifichi l’ovulazione. Per ottenere un corretto picco di LH, e quindi l’ovulazione, sono necessari almeno 3-4 giorni di stimolazione da parte dell’estradiolo.
A differenza della coniglia, per la quale un singolo accoppiamento è sufficiente per indurre l’ovulazione, nella gatta sono spesso necessari più accoppiamenti e, pur esistendo una variabilità individuale, la maggior parte delle gatte richiede almeno quattro accoppiamenti per ottenere uno stimolo ovulatorio efficace. 
Come nella cagna, l’ovulazione si verifica circa 48 ore dopo il picco di LH e tutti gli ovociti vengono rilasciati nello stesso momento, impedendo così il fenomeno della superfetazione. Quindi le cellule della granulosa dei follicoli ovarici subiscono la luteinizzazione e cominciano a produrre progesterone. 

Fecondazione
La fecondazione dell’ovocita avviene negli ovidotti e l’ovulo fecondato, che successivamente si evolve in morula e primo stadio di blastocisti, si sposta nelle corna uterine 4-5 giorni dopo il coito, quindi circa 3-4 giorni dopo l’ovulazione.
Questo intervallo di tempo permette all’utero di prepararsi a ricevere l’embrione: termina la fisiologica risposta infiammatoria, necessaria per rimuovere gli spermatozoi e le ghiandole endometriali, sotto l’influenza del progesterone prodotto dal corpo luteo gravidico, e inizia la produzione di sostanze nutritive (latte uterino) necessarie all’embrione per la sopravvivenza nella fase di preimpianto.
Le blastocisti si localizzano nell’utero e possono essere riconosciute come formazioni sferiche già a 13-14 giorni di gravidanza. La placenta della gatta, come nella cagna, è classificata in: 
Endotelio-coriale: il corion fetale è a diretto contatto con l’endotelio dei vasi materni, quindi si assiste a una completa erosione dell’epitelio endometriale e dell’interstizio sottostante. Le zone di contatto tra il corion e l’endometrio formano specifici punti di scambio di sostanze nutritive, di ormoni e di ossigeno; 
Zonata: è formata da una zona centrale dalla caratteristica forma a fascia rivestita da villi coriali. I villi coriali si identificano come piccole proiezioni presenti sulla superficie del corion che raggiungono l’endometrio uterino. La placenta zonata è formata da tre parti: 1) zona centrale: vascolarizzata e fondamentale per gli scambi metabolici, dove esternamente avviene l’inserzione della placenta sull’utero e internamente avviene l’inserzione del cordone ombelicale fetale; 2) zona marginale: caratterizzata da piccole lacune sanguigne a ciascuna estremità della precedente zona, vede l’accumulo di sangue parzialmente coagulato e ricco di utero-verdina, sostanza fondamentale per lo scambio di ferro dalla madre al feto; 3) zone distali del corion: trasparenti, poco vascolarizzate, deputate all’assorbimento di sostanze direttamente dal lume uterino. 
Labirintica: il labirinto placentare felino è caratterizzato da cellule giganti che sono assenti nella maggior parte delle placente endotelio-coriali delle altre specie. Queste cellule, derivate dal connettivo endometriale e che diminuiscono verso il termine della gravidanza, citologicamente sono caratterizzate da un citoplasma pallido e grandi nuclei singoli.
La placenta di un feto a termine gravidanza pesa 15-20 g, escluso il cordone ombelicale e le membrane.

Per approfondire l’argomento e conoscere anche i cambiamenti ormonali e parafisiologici della gatta in gravidanza leggi Riproduzione del cane e del gatto

A cura di Grazia Lapaglia

CITATI: CHIARA TROVò, MARIA CARMELA PISU, MICHELA BECCAGLIA
TAG: ACCOPPIAMENTO, FECONDAZIONE, GATTO, GESTAZIONE, GRAVIDANZA, ORMONI, OVULAZIONE, RIPRODUZIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Linkedin! Seguici su Facebook!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito veterinario, iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/07/2024

Il progetto One Health Ambassador è una chiamata all’azione per medici, farmacisti e veterinari: diventare Ambassador significa entrare a far parte di una rete di esperti che collaborano per...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La positività al virus dell’influenza aviaria di una mandria di bovini in Oklahoma dimostra che l’epidemia negli Stati Uniti è molto più diffusa di quanto fosse stato inizialmente stimato...

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La Direzione Generale della Sanità Animale ha diffuso una nota per ricordare le pratiche che devono essere adottate per il trasporto di animali vivi con temperature elevate 

A cura di Redazione Vet33

16/07/2024

La diffusione della Peste suina africana in Vietnam ha già portato all’abbattimento di oltre 40.000 suini solo nei primi sette mesi del 2024. Le conseguenze per l’economia e...

A cura di Redazione Vet33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Pralinery, una nuova linea di snack a base di carne di suino

Pralinery, una nuova linea di snack a base di carne di suino

A cura di Camon

Attività fisica, controllo del peso e prevenzione a 360 gradi.  I consigli di Valentina Fiorbianco di AniCura Italia.

A cura di Anicura

chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Registrazione Tribunale di Milano n° 5578/2022 del 5/05/2022

Top